Cassazione civile Ordinanza n. 26883 del 22/12/2016

Cassazione civile Ordinanza n. 26883 del 22/12/2016
Lunedi 2 Gennaio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

  REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio - Presidente -

Dott. GENOVESE Francesco Antonio - Consigliere -

Dott. BISOGNI Giacinto - rel. Consigliere -

Dott. DE CHIARA Carlo - Consigliere -

Dott. MERCOLINO Guido - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:

M.M., elettivamente domiciliato in Roma, via Monte Zebio 30, presso lo studio dell'avv. Giammaria Camici (con utenza abilitata n. 06/32600464 a ricevere gli avvisi di Cancelleria e p.e.c. giammariacamici-ordineavvocatiroma.org, rappresentato e difeso, per procura speciale in calce al ricorso, dall'avv. Daniela Breschi (avvdanielabreschi-cnfpec.it) con ammissione al patrocinio a spese dello Stato;

- ricorrente -

nei confronti di:

Ma.An.Ma., elettivamente domiciliata in Roma, Largo Leonardo da Vinci 5, presso lo studio dell'avv. Simonetta De Julio, rappresentata e difesa, giusta procura speciale a margine del controricorso, dall'avv. Luca Zanasi, che dichiara di voler ricevere le comunicazioni relative al processo e alla p.e.c. lucazanasi-pec.avvocati.prato.it;

- controricorrente - avverso la sentenza n. 1994/2013 della Corte di appello di Firenze, emessa il 20 dicembre 2013 e depositata il 24 dicembre 2013, n. R.G. 1714/2013;

Rilevato che in data 22 aprile 2016 è stata depositata relazione ex art. 380 bis c.p.c. che qui si riporta con alcune modifiche di carattere formale.

Svolgimento del processo

che:

1. Con ricorso del 9 luglio 2011, Ma.An.Ma. ha chiesto che fosse dichiarata la separazione dal proprio marito, Ma.Mi., con addebito a quest'ultimo. Parte attrice ha chiesto, inoltre, l'affido condiviso del figlio (allora minorenne), con domiciliazione prevalente presso la madre e la condanna del M. a contribuire al suo mantenimento e a quello del figlio. A fondamento della domanda di addebito Ma.An.Ma. ha affermato che la convivenza era divenuta intollerabile a causa della mancata contribuzione morale e materiale alla vita familiare da parte del marito, dedito all'abuso di bevande alcooliche. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.027 secondi