Split payment. Abolito per i professionisti.

Split payment. Abolito per i professionisti.

Il Decreto Legge “Dignità” n. 87 del 12 luglio 2018 è entrato in vigore sabato 14 luglio, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Mercoledi 18 Luglio 2018

Il suddetto Decreto all’art. 12 contiene una rilevante novità in merito allo split payment per i professionisti, ovvero alla “scissione dei pagamenti”.

Si ricorda che l’art. 17/ter del D.P.R. 26.10.72 n. 633, al comma 1, prevede che per le prestazioni di servizi effettuate da professionisti nei confronti di amministrazioni pubbliche, l'IVA è trattenuta dalla PA e versata dalla stessa all’erario.

Ora non più.

Cambia tutto perché il nuovo Decreto n. 87/18 aggiunge all’art 17/ter, dopo il comma 1 quinquies il comma 1 sexies, e dispone che le disposizioni del presente articolo non si applicano alle prestazioni di servizi rese da professionisti i cui compensi sono assoggettati a ritenute alla fonte a titolo d’imposta sul reddito, ovvero a ritenuta a titolo d’acconto.

La disposizione di cui innanzi si applica alle operazioni per le quali è emessa fattura successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto.

Il provvedimento giunge a un anno dall’applicazione dello split payment. Si ricorda che l’obbligo ha avuto la sua prima applicazione dal 1° luglio 2017.

Ne discende che le fatture trasmesse dai professionisti alle pubbliche amministrazioni e alle società controllate, incluse nell’indice FTSE MIB ed elencate sul sito del Dipartimento delle finanze, non devono essere assoggettate allo split payment e l’IVA esposta in fattura non dev’essere più trattenuta al professionista, ma pagata allo stesso nella sua interezza, come risultante dalla fattura.

L’inversione di tendenza è solamente per i professionisti.

Lo split payment già lo si applicava per le forniture di beni e servizi effettuati dalle imprese private alla Pubblica Amministrazione (Legge di stabilità 2015). Per questi soggetti nulla cambia. Continuerà ad applicarsi lo split payment e l’IVA trattenuta al fornitore proseguirà la stessa strada e sarà versata all’erario da parte della PA.

La norma che prevedeva lo split payment anche per i professionisti, ora rimossa, era stata disapprovata con motivate osservazioni dagli Ordini professionali e dalle Associazioni di categoria. La trattenuta dell’IVA da parte della PA, sui compensi corrisposti ai professionisti la si vedeva come una duplicazione di trattenute.

La ritenuta d’imposta del 20%, e poi anche l’ulteriore trattenuta da parte della PA, dell’IVA esposta in fattura, sottoponeva il professionista a una duplice decurtazione, con conseguente perdita di liquidità. Interessati allo split payment e, quindi, alla trattenuta dell’IVA da parte della PA, erano tutte le categorie professionali.

L’abolizione dello split payment interessa tutti i professionisti che fatturano alla PA e in maggior misura coloro che hanno scelto di indirizzare la maggior parte del proprio lavoro a favore delle pubbliche amministrazioni, come ingegneri, architetti, geologi ecc..

Senza l’abolizione dello split payment questi professionisti oltre ad attendere i tempi di incasso della fattura, da parte dell’Ente pubblico, avrebbero dovuto aspettare altro tempo per il rimborso dell’IVA pagata sugli acquisti, non avendo IVA a debito per le fatture emesse nei confronti della PA.

Per approfondire il Decreto Legge “Dignità” n. 87 del 12 luglio 2018.

Luca De Franciscis

dottore commercialista

Risorse Correlate:

Fattura elettronica per avvocati

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.023 secondi