Figlio laureato e avviato alla carriera di avvocato: l'assegno di mantenimento va ridotto

Figlio laureato e avviato alla carriera di avvocato: l'assegno di mantenimento va ridotto

Se il figlio si è laureato e si avvia ad una carriera come avvocato il mantenimento può essere ridotto. In tal senso di è espressa la Corte di Cassazione nell'ordinanza n. 4035/2022.

Lunedi 21 Febbraio 2022

Il caso: Il tribunale, a seguito della sentenza di dichiarazione della cessazione degli effetti civili del matrimonio tra Tizio e Mevia, disponeva il pagamento di un assegno di mantenimento a carico del padre per i figli Caio e Sempronio di euro 1.500,00 ciascuno (a fronte del minore importo di euro 1.150 ciascuno stabilito in fase presidenziale) ed un assegno divorzile di euro 1.500,00 al mese per la ex moglie (a fronte del minore importo di euro 1.200,00 stabilito in fase presidenziale).

La Corte d'Appello, in riforma della sentenza di primo grado, fissava in 1.000,00 euro mensili l'assegno divorzile a carico del marito ed a favore della moglie, ed in euro 800,00 mensili l'assegno di mantenimento a carico del padre per ciascun figlio.

Mevia ricorre in Cassazione, lamentando, tra i vari motivi, violazione e falsa applicazione dell'art. 6 legge divorzio e degli artt. 147, 148, 315-bis e 316-bis cc in riferimento all'art. 360 comma 1 nr. 3 C.p.c. per non aver tenuto conto del tenore di vita goduto dai figli in costanza di matrimonio.

Per la Cassazione la doglianza è infondata: sul punto osserva quanto segue:

a) in relazione ai figli, il criterio di proporzionalità invocato dalla ricorrente è stato correttamente parametrato alla attuale condizione economica ed alle esigenze dei figli stessi, i quali stanno iniziando ad entrare nel mondo del lavoro e, nello stesso tempo, completando il proprio progetto formativo;

b) l'ammontare dell'assegno di mantenimento è frutto del bilanciamento tra i due profili e non può fondarsi in esclusiva sulla capacità economico reddituale dell'obbligato;

c) inoltre, la Corte di merito ha esaurientemente motivato sulle circostanze, trattandosi di giovane, Caio, che ha già completato gli studi universitari e si avvia ad una carriera di avvocato mentre Sempronio dispone di un piccolo introito di 500,00 euro mensili.

Allegato:

Cassazione civile ordinanza n. 4035 2022

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.046 secondi