Istat: dal 2011 cambia il paniere per il calcolo dell'inflazione

A gennaio 2011 sale ancora l'inflazione.
Istat: dal 2011 cambia il paniere per il calcolo dell'inflazione
Giovedi 17 Febbraio 2011

Il nuovo paniere

Il paniere 2011 è composto da 1.377 prodotti, che si riaggregano in 591 posizioni rappresentative; su queste vengono calcolati mensilmente i relativi indici dei prezzi al consumo.
Rispetto al 2010 entrano nel paniere le nuove posizioni: Tablet PC, Ingresso ai parchi nazionali, ai giardini zoologici e botanici, Servizi di trasporto extraurbano multimodale integrato, Fast food etnico, Salmone affumicato. Esce la posizione Noleggio DVD.
Tra le posizioni, già contenute nell’indice precedente, che vengono diffuse per effetto della nuova classificazione ci sono i Servizi di telefonia mobile (traffico voce ed sms) e i Servizi internet da rete mobile.
A partire dai dati di gennaio 2011 la base di riferimento dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) è il 2010 (la base precedente era 1995=100).


Indici provvisori dei prezzi al consumo

Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l’indice NIC, comprensivo dei tabacchi, registra un aumento dello 0,4% rispetto al mese di dicembre 2010 e del 2,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. A dicembre 2010 la crescita tendenziale era stata pari all’1,9%.
L’inflazione acquisita per il 2011 è pari all’1,2%.
L’inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, è pari all’1,4%, lo stesso valore registrato a dicembre 2010.
Sul piano tendenziale, la variazione dei prezzi dei beni sale al 2,5% (dal +2,1% di dicembre 2010), mentre nel comparto dei servizi la dinamica tendenziale dei prezzi scende all’1,5% (era +1,6% a dicembre). Si amplia, quindi, il differenziale inflazionistico tra beni e servizi.
L’accelerazione dell’inflazione registrata a gennaio risente delle tensioni sui prezzi dei beni, ed in particolare dei beni energetici non regolamentati, e degli alimentari non lavorati, i cui effetti risultano soltanto parzialmente attenuati dal lieve rallentamento della crescita su base annua dei prezzi dei servizi.

Fonte: istat.it

 

NOTA:
Per conoscere l'aggiornamento dell'indice FOI relativo al mese di gennaio 2011, utilizzato per le rivalutazioni monetarie, bisognerà attendere qualche giorno in più rispetto alle consuete comunicazioni diramate per lo più verso la metà di ciascun mese: secondo il calendario ufficiale dell'Istat il prossimo comunicato definitivo sui prezzi al consumo è previsto per il 23 Febbraio 2010.

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.049 secondi