Tribunale Agrigento Civile Sentenza 9 agosto 2019 n. 1096

Tribunale Agrigento Civile Sentenza 9 agosto 2019 n. 1096
Mercoledi 25 Marzo 2020
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IL TRIBUNALE DI AGRIGENTO

SEZIONE UNICA CIVILE

in persona del Giudice, dott.ssa Maria Margiotta, ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella controversia iscritta al n. 63 del registro generale affari civili dell'anno 2016

TRA

(...) (CF: (...)), nata ad F. (A.) il (...), elettivamente domiciliata in Porto Empedocle alla via (...), presso lo studio dell'avv. Gi.Pi., che la rappresenta e difende in forza di procura alle liti a margine dell'atto introduttivo

ATTRICE

E

(...) (CF: (...)), nato a T. (G.) il (...)

CONVENUTO CONTUMACE

avente ad oggetto: obbligazione alimentare;

RAGIONI DI FATTO E DI DIRITTO DELLA DECISIONE

Con l'atto introduttivo del presente giudizio (...) conveniva in giudizio il figlio (...) in quanto soggetto obbligato ai sensi degli artt. 433 e ss. c.c. e chiedeva al Tribunale di condannare quest'ultimo alla corresponsione, in proprio favore, di un assegno mensile di Euro 500,00.

Deduceva, invero, che - dopo la morte della sorella, la quale provvedeva al soddisfacimento dei suoi bisogni primari - versava in "serie difficoltà economiche" non percependo alcun reddito, ad eccezione di un "misera pensione sociale" di Euro 3.688,00 annui, essendo, peraltro, impossibilita a svolgere attività lavorativa a causa delle gravi patologie da cui era affetta.

Il convenuto, pur ritualmente evocato in giudizio, non si è costituito e all'udienza del 30 maggio 2017 ne è stata dichiarata la contumacia.

Il giudizio è stato istruito mediante produzioni documentali; all'udienza del 15 maggio 2019 parte attrice precisava le conclusioni e la causa veniva posta in decisione con il termine per il deposito della sola comparsa conclusionale.

Ciò premesso in punto di fatto e venendo all'accertamento della fondatezza delle domande spiegate da (...), deve osservarsi che quest'ultima ha affidato la prova del proprio diritto alla prestazione alimentare da parte del figlio alla documentazione reddituale relativa agli anni 2013-2018, nonché a quella medica attestante le proprie condizioni di salute. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.049 secondi