Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza 27 marzo 2019 n. 8451

Corte di Cassazione Sezione 3 Civile Sentenza 27 marzo 2019 n. 8451
Venerdi 7 Giugno 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE



Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco - Presidente

Dott. GIANNITI Pasquale - Consigliere

Dott. TATANGELO Augusto - Consigliere

Dott. D'ARRIGO Cosimo - Consigliere

Dott. GIAIME GUIZI Stefano - rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 514-2017 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall'avvocato (OMISSIS) giusta procura in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

(OMISSIS) SPA, in persona della Dott.ssa (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato (OMISSIS) giusta procura a margine del controricorso;

- controricorrente -

e contro

(OMISSIS);

- intimato -

avverso la sentenza n. 2192/2015 del TRIBUNALE di SIRACUSA, depositata il 20/11/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 26/06/2018 dal Consigliere Dott. STEFANO GIAIME GUIZZI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PEPE Alessandro, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l'Avvocato (OMISSIS);

udito l'Avvocato (OMISSIS).

FATTI DI CAUSA

1. (OMISSIS) ricorre per cassazione, sulla base di sei motivi, per l'annullamento della sentenza n. 2192/15 del 18 novembre 2015, del Tribunale di Siracusa, che - rigettando il gravame dallo stesso esperito contro la sentenza del Giudice di pace di Augusta, n. 206/11 del 20 luglio 2011 - ha confermato il rigetto della domanda risarcitoria, per danni alle cose, esperita dall'odierno ricorrente nei confronti di (OMISSIS) e della societa' (OMISSIS) S.p.a. (oggi (OMISSIS) S.p.a., d'ora in poi " (OMISSIS)"), relativamente al sinistro occorsogli il giorno (OMISSIS), lungo la strada provinciale n. (OMISSIS).

2. Riferisce, in punto di fatto, l'odierno ricorrente di aver convenuto in giudizio i predetti soggetti, riferendo che - nelle circostanze di tempo e luogo sopra meglio indicate, mentre viaggiava in direzione (OMISSIS) (o meglio, (OMISSIS), come corretto in corso di causa) - la propria autovettura (una BMW) sarebbe stata "violentemente investita" da quella condotta e di proprieta' dell' (OMISSIS) (una Lancia Y), assicurata per la RCA con la societa' (OMISSIS). ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.036 secondi