Corte di Cassazione Sezione 3 Penale Sentenza 3 Dicembre 2018 n. 53980

Corte di Cassazione Sezione 3 Penale Sentenza 3 Dicembre 2018 n. 53980
Lunedi 25 Marzo 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI NICOLA Vito - Presidente

Dott. GALTERIO Donatella - Consigliere

Dott. ACETO Aldo - Consigliere

Dott. REYNAUD Gianni F - rel. Consigliere

Dott. ANDRONIO Alessandro M. - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

(OMISSIS), nato a (OMISSIS);

avverso la sentenza del 24/01/2018 della CORTE APPELLO di MILANO;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere Dott. ALESSANDRO MARIA ANDRONIO;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Dott. GIULIO ROMANO;

Il Proc. Gen. conclude per il rigetto.

RITENUTO IN FATTO

1. - Con sentenza del 24 gennaio 2018, la Corte d'appello di Milano ha parzialmente riformato la sentenza del 15 giugno 2016 del Tribunale di Milano, che aveva condannato l'imputato, per il reato di cui all'articolo 81 c.p., comma 2, e del Decreto Legislativo n. 74 del 2000, articolo 5 perche', in qualita' di legale rappresentante della (OMISSIS) s.c.r.l., al fine di evadere l'IVA, aveva omesso di presentare, pur essendone obbligato, la dichiarazione annuale relativa a tale imposta per gli anni 2008 e 2009. Il Tribunale aveva invece assolto l'imputato per l'omessa dichiarazione IRES, concernente le stesse annualita'. La Corte d'appello di Milano ha dichiarato non doversi procedere per intervenuta prescrizione con riferimento all'annualita' IVA 2008 ed ha confermato nel resto la sentenza impugnata, rideterminando la pena per il reato residuo.

2. - Avverso la sentenza l'imputato ha proposto, tramite il difensore, ricorso per cassazione, chiedendone l'annullamento.

2.1. - Con un primo motivo di doglianza, si prospettano vizi della motivazione in relazione alla responsabilita' penale, sul rilievo che la Corte d'appello avrebbe erroneamente confermato la sentenza di primo grado nel punto in cui, pur avendo assolto l'imputato per il reato concernente l'omessa dichiarazione IRES per la sussistenza di costi fattuali di cui non sarebbe stato possibile affermare con certezza l'inesistenza, aveva contraddittoriamente condannato lo stesso per l'omessa dichiarazione ai fini IVA, pur avendo la difesa addotto la sussistenza dei medesimi costi valutati positivamente per l'esclusione dei reato concernete l'imposta sui redditi delle societa'. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.039 secondi