Cassazione penale Sez. V Sentenza n. 49507 del 27/10/2017

Lunedi 18 Dicembre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUINTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LAPALORCIA Grazia - Presidente -

Dott. MAZZITELLI Caterina - Consigliere -

Dott. SCOTTI Umberto Luigi - rel. Consigliere -

Dott. GUARDIANO Alfredo - Consigliere -

Dott. MICHELI Paolo - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

C.S.M., nato il (OMISSIS);

avverso la sentenza del 07/10/2015 della CORTE APPELLO di BARI;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udita la relazione svolta dal Consigliere UMBERTO LUIGI SCOTTI;

Udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore generale Dott. TOCCI Stefano, che ha concluso per il rigetto;

udito il difensore, avv. Donatella Rapetti, del Foro di Varese, in sostituzione dell'avv. Raffaele Della Valle del Foro di Monza, che, dopo aver brevemente illustrato i motivi di ricorso presentati, ne ha chiesto l'accoglimento.

Svolgimento del processo

1. Con sentenza del 7/10/2015 la Corte di appello di Bari ha confermato la sentenza del Giudice dell'udienza preliminare del Tribunale di Bari dell'11/3/2008, appellata dall'imputato, che aveva ritenuto C.S.M., quale amministratore della (OMISSIS) s.r.l. dichiarata fallita il 6/3/2007, responsabile del reato di cui alla L. Fall., art. 216, e, concesse le attenuanti generiche e la diminuente per la scelta del rito, lo aveva condannato alla pena di anni uno e mesi quattro di reclusione, dichiarandolo inabilitato per dieci anni all'esercizio di imprese commerciali e uffici direttivi.

Il C. era accusato di aver occultato parte delle giacenze di merci all'inizio del 2002 per Euro 136.000,77 (valore riportato nella scheda minusvalenza), riveniente dalla differenza fra il valore delle merci al 1/1/2002 di Euro per Euro 141.189,77, riscontrato nel libro giornale2e quanto risultante dalla scheda contabile al 31/12/2002 e nell'inventario 20002 per Euro 5.189,00 quale rimanenza iniziale.

2. Ha proposto ricorso nell'interesse dell'imputato il difensore di fiducia, avv.Raffaele Della Valle, svolgendo quattro motivi. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.023 secondi