Cassazione civile Sez. VI Ordinanza n. 11770 del 08-06-2016

Cassazione civile Sez. VI Ordinanza n. 11770 del 08-06-2016
Giovedi 16 Giugno 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio - Presidente -

Dott. GENOVESE Francesco Antonio - Consigliere -

Dott. BISOGNI Giacinto - Consigliere -

Dott. DE CHIARA Carlo - Consigliere -

Dott. ACIERNO Maria - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 8441-2014 proposto da:

C.S.N., elettivamente domiciliata in ROMA, C.SO TRIESTE 85, presso lo studio dell'avvocato SALVATORE AJELLO, che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato TIZIANA AJELLO giusta procura in calce del ricorso;

- ricorrente -

contro

D.G.C.;

- intimato -

avverso la sentenza n. 5358/2013 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 09/10/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 09/05/2016 dal Consigliere relatore Dott. MARIA ACIERNO;

udito l'Avvocato Ajello Salvatore difensore della ricorrente che si riporta agli scritti.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Rilevato che è stato depositata la seguente relazione in ordine al procedimento civile iscritto al R.G. 8441/2014:

"La ricorrente proponeva appello avverso la sentenza di separazione personale del Tribunale di Civitavecchia al fine di ottenere l'aumento del contributo per ciascun figlio ed il riconoscimento di un assegno di mantenimento a proprio favore.

La Corte di Appello di Roma dichiarava improcedibile l'appello per omessa notificazione del ricorso nel termine assegnato nel decreto di fissazione dell'udienza, alla luce delle seguenti argomentazioni:

- "pur trattandosi di termine ordinatorio ex art. 154 c.p.c., comporta la decadenza dell'attività processuale cui finalizzato, in mancanza di proroga prima della scadenza" (Cass. 27086/2011);

- mancano i presupposti per concedere un nuovo termine alla parte appellante per notificare, atteso che non si versa nell'ipotesi di omessa notifica per causa ad essa non imputabile;

- la circostanza che dal controllo telematico non sia emerso il termine per notificare non esime l'appellante dal prendere visione del provvedimento di fissazione di udienza, posto che non vi è alcun obbligo normativo di comunicazione in capo al Giudice, essendo viceversa il ricorrente tenuto ad attivarsi per prendere cognizione, in cancelleria, dell'esito del proprio ricorso (Cass. 19514/2005); ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.033 secondi