Cassazione civile Sez. V Sentenza n. 7604 del 28/03/2018

Cassazione civile Sez. V Sentenza n. 7604 del 28/03/2018
Lunedi 5 Novembre 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico - Presidente -

Dott. STALLA Giacomo Maria - Consigliere -

Dott. FUOCHI TINARELLI Giuseppe - Consigliere -

Dott. GAI Emanuela - Consigliere -

Dott. FASANO Anna Maria - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 10167/2012 proposto da:

P.P., A.I., P.N., elettivamente domiciliati in ROMA VIA A. BERTOLONI 44, presso lo STUDIO LEGALE DE VERGOTTINI, rappresentati e difesi dagli avvocati CESARE CATURANI, MAURIZIO MANCINELLI giusta delega a margine;

- ricorrenti -

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 6/2011 della COMM. TRIB. REG. di ANCONA, depositata il 03/03/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 09/11/2017 dal Consigliere Dott. ANNA MARIA FASANO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. VITIELLO Mauro, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito per i ricorrenti l'Avvocato MANCINELLI FEDERICA per delega dell'Avvocato MANCINELLI MAURIZIO che ha chiesto l'accoglimento;

udito per il controricorrente l'Avvocato FIDUCCIA che ha chiesto il rigetto.

Svolgimento del processo

In data 19 luglio 2006 veniva registrato un atto di divisione tra i signori A.I., P.N. e P.P., su un valore complessivo di beni di Euro 1.100.000,00, scontando una autoliquidazione dell'imposta di registro con applicazione dell'1%. Nella fattispecie, a seguito del decesso di P.R., erano succeduti per legge il coniuge A.I. e i due figli P.N. e P.P.. L'asse ereditario comprendeva la quota indivisa di un mezzo relativa ed alcuni beni acquistati in comunione dai coniugi P.. Il coniuge superstite rinunciava all'eredità, cedendo la propria quota ai due figli. Successivamente l'Agenzia delle Entrate notificava ai contribuenti l'avviso di liquidazione per il recupero dell'imposta suppletiva, ritenendo configurarsi una divisione di masse plurime, e recuperava le imposte per Euro 61.889,00. L'atto veniva emesso a titolo di imposte suppletive di registro, ipotecaria e catastale, previste per gli atti traslativi ai sensi del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 34, comma 1 e dell'art. 1, 2^ periodo, della tariffa, parte prima, allegata allo stesso decreto; dell'art. 1 della tariffa allegata al D.Lgs. n. 347 del 1990 e del D.Lgs. n. 347 del 1990, art. 10, comma 1. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.038 secondi