Cassazione civile Sez. II Sentenza n. 6551 del 16/03/2018

Cassazione civile Sez. II Sentenza n. 6551 del 16/03/2018
Lunedi 8 Ottobre 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Felice - Presidente -

Dott. GORJAN Sergio - Consigliere -

Dott. BELLINI Ubaldo - rel. Consigliere -

Dott. CARRFATO Aldo - Consigliere -

Dott. ABETE Luigi - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28098-2013 proposto da:

A.M.R., elettivamente domiciliata in PALERMO, VIA M.SE UGO 26, presso lo studio dell'Avvocato FEDERICO FERINA che la rappresenta e difende;

- ricorrente -

contro

A.V., + ALTRI OMESSI, ciascuno in proprio e quale erede di L.J.A.;

- intimati -

avverso la sentenza n. 1634/2012 della CORTE D'APPELLO di PALERMO, depositata il 19/11/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/11/2012 dal Consigliere Dott. UBALDO BELLINI;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CELESTE Alberto, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l'Avvocato FEDERICO FERINA, per la ricorrente, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

Con atto di citazione, ritualmente notificato il 23 dicembre 1978, A.V. esponeva che, in data (OMISSIS), era deceduto a (OMISSIS) il padre A.A., lasciando eredi legittimi, oltre all'attore, i fratelli M.R., M., C., G., R. e S., con l'usufrutto in favore della madre L.J.A.; e che la massa, formata da numerosi immobili e dalla quota di una impresa edile, era stata detenuta senza rendere il conto del'amministrazione dal solo A.M.. L'attore chiedeva quindi lo scioglimento della comunione e la resa dei conti tra i coeredi.

Si costituivano tutti i convenuti, fatta eccezione per L.J.A., non opponendosi alla divisione. M. e A.G., inoltre, chiedevano un compenso per la gestione utile svolta a vantaggio della massa, oltre che darsi atto che A.M.R. aveva ricevuto, per convenzione in data 4 dicembre 1972, alcuni beni immobili in conto di anticipata divisione.

Con sentenza n. 4387/2001, depositata il 5 luglio 2001, il Tribunale di Palermo, definitivamente pronunciando sulle domande proposte da A.V., dichiarava che la massa relitta da A.A., deceduto in (OMISSIS), il (OMISSIS), era formata da: quota pari a tre sesti dei magazzini di Via (OMISSIS) e del magazzino di (OMISSIS); quota pari a un mezzo della casa di primo piano in Via (OMISSIS); ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.043 secondi