Cassazione civile Sez. II, Sentenza n. 24375 del 01/12/2010

Sabato 17 Dicembre 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SETTIMJ Giovanni - Presidente

Dott. PETITTI Stefano - Consigliere

Dott. D'ASCOLA Pasquale - rel. Consigliere

Dott. DE CHIARA Carlo - Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 33560-2006 proposto da:

B.R., elettivamente domiciliato in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE 326, presso lo studio dell'avvocato SCOGNAMIGLIO RENATO, rappresentato e difeso da se medesimo EX ART. 86 C.P.C.;

- ricorrente -

contro

MINISTERO INTERNO in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;

- controricorrente -

e contro

PREFETTURA PORDENONE;

- intimato -

avverso la sentenza n. 544/2005 del GIUDICE DI PACE di PORDENONE, depositata il 08/11/2005;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 24/09/2010 dal Consigliere Dott. PASQUALE D'ASCOLA;

udito l'Avvocato PORCELLI Vincenzo con delega depositata in udienza dell'Avvocato B.R., difensore di sè medesimo, che ha chiesto l'accoglimento del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. GOLIA AURELIO che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

La Polizia stradale di Pordenone il 1 novembre 2004 accertava la violazione dell'art. 80 C.d.S., comma 14, commessa dall'avv. B.R. conducendo un autoveicolo non sottoposto a revisione periodica. Il Giudice di pace di Pordenone l'8 novembre 2005 respingeva l'opposizione al verbale di contestazione, imperniata sulla tesi che il termine per la revisione, scaduto in giorno festivo, doveva intendersi prorogato al primo giorno utile non festivo.

L'opponente ha proposto ricorso per cassazione notificato al Ministero dell'Interno e al Prefetto locale il 28 novembre 2006.

L'Avvocatura dello Stato, costituendosi per i soggetti intimati, ha notificato controricorso. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.034 secondi