Cassazione civile Sez. VI -5 Ordinanza del 09/02/2017 n.3501

Cassazione civile Sez. VI -5 Ordinanza del 09/02/2017 n.3501
Venerdi 24 Febbraio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello - Presidente -

Dott. MOCCI Mauro - Consigliere -

Dott. IOFRIDA Giulia - rel. Consigliere -

Dott. CRUCITTI Roberta - Consigliere -

Dott. CONTI Roberto Giovanni - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4591-2014 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

- ricorrente -

contro

Z.E., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall'avvocato GIOVANNI PASSERO, giusta procura speciale in calce alla nomina difensore;

- resistente -

avverso la sentenza - n. 142/36/2013 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE del PIEMONTE del 2/07/2013, depositata il 15/07/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 27/10/2016 dal Consigliere Relatore Dott. GIULIA IOFRIDA.

Svolgimento del processo

L'Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione, affidato a due motivi, nei confronti di Z.E. (che si è costituito al solo fin di chiedere la sollecita fissazione dell'udienza), avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Piemonte n. 142/36/2013, depositata in data 15/07/2013, con la quale - in controversia concernente l'impugnazione del silenzio-fifiuto opposto dall'Amministrazione finanziaria ad istanza del contribuente (esercente la professione di geologo) di rimborso dell'IRAP versata negli anni d'imposta dal 2004 (saldo) al 2007 - è stata confermata la decisione di primo grado, che aveva accolto il ricorso del contribuente.

In particolare, i giudici d'appello, nel respingere il gravame dell'Agenzia delle Entrate, hanno sostenuto che non sussisteva una significativa ed autonoma organizzazione, in quanto anche "i compensi a tergi non sono sicuramente tali da fare ritenere sussistente un rapporto di lavora dipendente mascherato, così come le spese appaiono modeste rispetto ai ricavi". ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.042 secondi