Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza n. 7067 del 21/03/2018

Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza n. 7067 del 21/03/2018
Martedi 10 Aprile 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale - Presidente -

Dott. ORILIA Lorenzo - Consigliere -

Dott. GIUSTI Alberto - rel. Consigliere -

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere -

Dott. FALASCHI Milena - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4673/2017 proposto da:

G.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA VALADIER 53, presso lo studio dell'Avvocato CATALDO MARIA DE BENEDICTIS, rappresentato e difeso dall'Avvocato ANTONIA CONDEMI;

- ricorrente -

contro

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA; PROCURA PRESSO IL TRIBUNALE DI REGGIO CALABRIA;

- intimati -

avverso l'ordinanza del TRIBUNALE di REGGIO CALABRIA, depositata il 20/02/2017.

Udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 25/01/2018 dal Consigliere ALBERTO GIUSTI.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Ritenuto che l'avv. G.G. ha proposto opposizione avverso il decreto con il quale il GIP del Tribunale di Reggio Calabria ha rigettato la richiesta di liquidazione dei compensi professionali maturati in capo al suddetto legale, quale difensore d'ufficio di Ga.Gh.Co., imputato in un procedimento penale;

che il Tribunale di Reggio Calabria, con ordinanza in data 8 febbraio 2017, ha rigettato l'opposizione;

che il Tribunale ha rilevato che il difensore ha nella specie espletato tutto l'iter procedimentale necessario per il recupero del credito professionale, mediante l'esperimento del procedimento monitorio esitato nell'emissione del decreto ingiuntivo, non opposto, ed ha poi intimato atto di precetto, ma si è limitato a procedere esecutivamente soltanto a pignoramento mobiliare, senza allegare alcuna visura della competente conservatoria dei registri immobiliari ovvero del PRA e senza formulare richiesta di informative all'Ufficio del lavoro, di talchè avrebbe potuto legittimamente inoltrare istanza di liquidazione solo dopo che il soggetto fosse risultato privo di proprietà immobiliari e non fossero note sue ragioni di credito, aggredibili nelle forme del pignoramento presso terzi; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.04 secondi