Cassazione civile Sez. VI - 3 Ordinanza n. 6725 del 19/03/2018

Cassazione civile Sez. VI - 3 Ordinanza n. 6725 del 19/03/2018
Giovedi 29 Marzo 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide - Presidente -

Dott. CIRILLO Francesco Maria - Consigliere -

Dott. POSITANO Gabriele - Consigliere -

Dott. DELL’UTRI Marco - rel. Consigliere -

Dott. TATANGELO Augusto - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5349/2017 proposto da:

R.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CIRCONVALLAZIONE CLODIA 80, presso lo studio dell'avvocato ALBERTO PROSPERINI, che lo rappresenta e difende;

- ricorrente -

contro

A.E., INA ASSITALIA SPA;

- intimati -

avverso la sentenza n. 8847/2016 del TRIBUNALE di NAPOLI, depositata il 15/07/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 30/01/2018 dal Consigliere Dott. DELL'UTRI.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

rilevato che, con sentenza resa in data 15/7/2016, il Tribunale di Napoli ha confermato la decisione con la quale il giudice di primo grado ha rigettato la domanda proposta da R.A. per la condanna di A.E. e dell'Ina Assitalia s.p.a. al risarcimento dei danni subiti a seguito del sinistro stradale dedotto in giudizio;

che, a sostegno della decisione assunta, il tribunale ha evidenziato come il giudice di primo grado avesse correttamente accertato la prescrizione del diritto azionato dal R., avendo quest'ultimo inviato l'atto di interruzione di detta prescrizione mediante lettera inviata per posta raccomandata, senza tuttavia fornire la prova del relativo ricevimento, a fronte dell'avvenuta contestazione, da parte dell'Ina Assitalia s.p.a., di tale specifica circostanza;

che, avverso la sentenza d'appello, R.A. propone ricorso per cassazione sulla base di un unico motivo d'impugnazione;

che nessuno degli intimati ha svolto difese in questa sede;

che, a seguito della fissazione della camera di consiglio, sulla proposta di definizione del relatore emessa ai sensi dell'art. 380 bis, il ricorrente ha presentato memoria; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.038 secondi