Cassazione civile Sez. VI - 3 Ordinanza n. 32584 del 17/12/2018

Lunedi 7 Gennaio 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele - Presidente -

Dott. DE STEFANO Franco - rel. Consigliere -

Dott. SCODITTI Enrico - Consigliere -

Dott. VINCENTI Enzo - Consigliere -

Dott. DELL’UTRI Marco - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 19520/2015 R.G. proposto da:

A.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA PORTUENSE 104, presso la Signora ANTONIA DE ANGELIS, rappresentato e difeso dagli avvocati ANTONINO CATANZARO LOMBARDO, VINCENZO FARINA;

- ricorrente -

contro

B.B. SOCIETA' SEMPLICE, in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA 19, presso lo studio dell'avvocato BARBARA RIZZA, rappresentata e difesa dall'avvocato CESARE AMATO;

- controricorrente -

contro

M.A., M.S., M.M., G.C., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA NIZZA 45, presso lo studio dell'avvocato CARLO BORROMEO, rappresentati e difesi dagli avvocati FEDERICO ITALIA, M.A.;

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 734/2014 della CORTE D'APPELLO di CATANIA, depositata il 13/05/2014;

udita la relazione svolta nella camera di consiglio non partecipata del 13/09/2018 dal Consigliere Dott. Franco DE STEFANO.

Svolgimento del processo

che:

A.A. ricorre a questa Corte, con atto articolato su due motivi e notificato il 29/06/2015, per la cassazione della sentenza n. 734 del 13/05/2014 della Corte di appello di Catania, con la quale è stato rigettato il suo appello contro la reiezione, ad opera del Tribunale di Siracusa, della sua domanda di declaratoria del diritto al riscatto legge L. n. 590 del 1965, ex art. 8, del fondo rustico, da lui coltivato, alienato da M.A. (anche in nome e per conto degli altri comproprietari S. e M.M., nonchè G.C.) alla società semplice B.B. di A.E. con rogito del 15/04/2003 e per il prezzo, addotto come simulato in quanto quadruplicato rispetto a quello di mercato, di Euro 200.000; ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.025 secondi