Cassazione civile Sez. VI - 3 Ordinanza n. 31694 del 07/12/2018

Cassazione civile Sez. VI - 3 Ordinanza n. 31694 del 07/12/2018
Venerdi 14 Dicembre 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco - Presidente -

Dott. RUBINO Lina - Consigliere -

Dott. CIRILLO Francesco Maria - Consigliere -

Dott. ROSSETTI Marco - Consigliere -

Dott. TATANGELO Augusto - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al numero 23582 del ruolo generale dell'anno 2016, proposto da:

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE - I.N.P.S. (C.F.: (OMISSIS)), in persona del rappresentante per procura, S.L., rappresentato e difeso, giusta procura a margine del ricorso, dagli avvocati Stumpo Vincenzo (C.F.: STM VCN 67T20 H490X), Coretti Antonietta (C.F.: CRT NNT 58D53 L117B) e Triolo Vincenzo (C.F.: TRL VCN 64R26 F158R);

- ricorrente -

nei confronti di:

T.A. (C.F.: (OMISSIS));

- intimata -

per la cassazione della sentenza del Tribunale di Foggia n. 1209/2016, pubblicata in data 20 aprile 2016;

udita la relazione sulla causa svolta nella camera di consiglio in data 18 ottobre 2018 dal consigliere Tatangelo Augusto.

Svolgimento del processo

T.A., ha proposto opposizione agli atti esecutivi, ai sensi dell'art. 617 c.p.c., avverso l'ordinanza con cui è stata dichiarata l'improcedibilità dell'esecuzione da essa promossa nei confronti dell'INPS per ottenere il pagamento delle spese di registrazione di un'ordinanza di assegnazione emessa all'esito di una precedente procedura esecutiva contro il medesimo debitore (instaurata sulla base di titolo esecutivo costituito da sentenza pronunziata dal giudice del lavoro, per le spese di lite distratte in suo favore, quale procuratore distrattario della parte ricorrente).

Il Tribunale di Foggia ha accolto l'opposizione, ha revocato l'ordinanza impugnata, ha condannato l'INPS a pagare all'opponente le spese del processo esecutivo per Euro 1.606,09, nonchè le spese di lite, liquidate in Euro 263,97 per esborsi ed Euro 4.600,00 per onorario di avvocato, oltre accessori. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.037 secondi