Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 29974 del 13/12/2017

Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 29974 del 13/12/2017
Giovedi 15 Marzo 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio - Presidente -

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. - Consigliere -

Dott. DI MARZIO Mauro - rel. Consigliere -

Dott. MARULLI Marco - Consigliere -

Dott. MERCOLINO Guido - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 15747-2016 proposto da:

M.E., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FEDERICO CONFALONIERI n.5, presso lo studio dell'avvocato LUIGI MANZI, che la rappresenta e difende unitamente e disgiuntamente all'avvocato CESARE GLENDI;

- ricorrente -

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA. DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e difende ope legis;

- controricorrente -

contro

MINISTERO ECONOMIA FINANZE;

- intimato -

avverso la sentenza n. 140/2016 della CORTE D'APPELLO di GENOVA, depositata il 04/02/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 17/10/2017 dal Consigliere Dott. MAURO DI MARZIO.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

RILEVATO CHE:

1. - Con sentenza del 4 febbraio 2016 la Corte d'appello di Genova ha respinto l'appello proposto da M.E. nei confronti del Ministero dell'economia e delle finanze nonchè dell'Agenzia delle entrate contro la sentenza resa tra le parti con cui il Tribunale della stessa città aveva accolto solo in parte la querela di falso spiegata dalla stessa M. ed avente ad oggetto sia le due relate di notificazione del 10 marzo 2005 di due avvisi di accertamento provenienti dall'amministrazione, sia le sottoscrizioni da essa M. apparentemente apposte in calce a dette relate.

La Corte territoriale ha ritenuto, conformemente al Tribunale, che la falsità delle sottoscrizioni, risultate apocrife, non implicasse la falsità delle relate di notificazione, dal momento che l'efficacia probatoria fidefacente di esse era limitata a quanto il pubblico ufficiale aveva attestato essere avvenuto in sua presenza o da lui compiuto, e non invece alla veridicità delle dichiarazioni ricevute. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.041 secondi