Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza n. 2486 del 01/02/2018

Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza n. 2486 del 01/02/2018
Mercoledi 7 Febbraio 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale - Presidente -

Dott. ORILIA Lorenzo - Consigliere -

Dott. CORRENTI Vincenzo - rel. Consigliere -

Dott. SCARPA Antonio - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19731/2016 proposto da:

C.G., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FILIPPO DE GRENET 145, presso lo studio dell'avvocato MICHELE DE CILLIS, che lo rappresenta e difende;

- ricorrente -

contro

V.P., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CALABRIA 56, presso lo studio dell'avvocato ANASTASIA FORMICHETTI, rappresentata e difesa dall'avvocato DOMENICO GRISOLIA;

- controricorrente -

avverso la semenza n. 1/2015 della CORTE D'APPELLO) di CATANZARO, depositata il 02/01/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 31/05/2017 dal Consigliere Dott. VINCENZO CORRENTI.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

C.G. propone ricorso per cassazione contro V.P., che resiste con controricorso, avverso la sentenza della Corte di appello di Catanzaro che ha dichiarato inammissibile l'appello a sentenza del Tribunale di Catanzaro, posto che la decisione del primo giudice era immune da censure quanto alla declaratoria di contumacia del C., che aveva rifiutato la consegna dell'atto il che equivaleva a notifica eseguita personalmente.

Il ricorrente deduce la violazione degli artt. 139, 115 e 116 c.p.c., e vizi di motivazione richiamando la decisione impugnata e lamentando che, a fronte delle specifiche contestazioni, la stessa non aveva spiegato su quali presupposti era stata dedotta la dichiarazione del portalettere circa il rifiuto del C. a ricevere l'atto, abitando altrove, per cui il rifiuto era avvenuto da altro soggetto.

La controricorrente eccepisce che l'appello era tardivo in quanto notificato il 26.4.2014 rispetto a sentenza del 17.1.2013.

Il ricorso è manifestamente infondato. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.039 secondi