Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 15420 del 13/06/2018

Giovedi 28 Giugno 2018
Per accedere agli allegati Ŕ richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati Ŕ richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarÓ richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione Ŕ gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalitÓ gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GENOVESE Francesco Antonio - Presidente -

Dott. SCALDAFERRI Andrea - Consigliere -

Dott. BISOGNI Giacinto - Consigliere -

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro - rel. Consigliere -

Dott. NAZZICONE Loredana - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 7170-2017 proposto da:

B.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall'avvocato GIUSEPPE INNOCENTI;

- ricorrente -

contro

COMUNE DI PALAZZOLO ACREIDE, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA NICOLA RICCIOTTI 11, presso lo studio dell'avv. COSTANZA ACCIAI, rappresentato e difeso dall'avv. RAFFAELE LEONE;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 45/2017 della CORTE D'APPELLO di CATANIA, depositata il 12/01/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 03/05/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIO PIETRO LAMORGESE.

Svolgimento del processo

La Corte d'appello di Catania, con sentenza del 12 gennaio 2017, in accoglimento dell'impugnazione del Comune di Palazzolo Acreide, ha dichiarato la nullità del lodo arbitrale del 1 marzo 2011 che lo aveva condannato a pagare all'ing. B.A. il compenso di Euro 42091,30 per la redazione del progetto di completamento di una rete idrica di distribuzione; ha condannato il B. alle spese di lite e ai compensi del giudizio arbitrale. La Corte ha dichiarato la nullità del disciplinare di incarico professionale in quanto privo di valida sottoscrizione da parte dell'ente pubblico e, di conseguenza, della clausola compromissoria, risultando la sottoscrizione del sindaco solo sulla delibera autorizzativa della GM; ha ritenuto assorbito il motivo di impugnazione incidentale del B.. ...

Collabora con la Redazione

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.015 secondi