Cassazione civile Sez. lavoro Sentenza n. 8373 del 04/04/2018

Lunedi 29 Ottobre 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI CERBO Vincenzo - Presidente -

Dott. CURCIO Laura - Consigliere -

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni - Consigliere -

Dott. CINQUE Guglielmo - rel. Consigliere -

Dott. MARCHESE Gabriella - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 12969/2016 proposto da:

T.P., elettivamente domiciliato in ROMA, CORSO TRIESTE 37, presso lo studio dell'avvocato STEFANO RECCHIONI, che lo rappresenta e difende, giusta delega in atti;

- ricorrente -

contro

UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A., in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ANTONIO SERRA 21, presso lo studio dell'avvocato SALVATORE ALBERTO RASI, che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato MARCO MICHELE DE BELLIS, giusta delega in atti;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 5779/2015 della CORTE D'APPELLO di ROMA, depositata il 12/11/2015 R.G.N. 3069/2014;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 17/01/2018 dal Consigliere Dott. GUGLIELMO CINQUE;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CELENTANO Carmelo, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l'Avvocato BUCCARELLI MARIAPIA per delega Avvocato RECCHIONI STEFANO;

udito l'Avvocato RASI SALVATORE ALBERTO.

Svolgimento del processo

1. Con la sentenza n. 5779/2015 la Corte di appello di Roma ha confermato la pronuncia del 14.1.2014 emessa dal Tribunale della stessa città con la quale era stata respinta la domanda proposta da T.P., ex dipendente Unipol con qualifica di funzionario di terzo grado, volta ad ottenere l'accertamento della illegittimità del licenziamento intimato al lavoratore in data 26.9.2011 ed il suo annullamento, con conseguente reintegrazione nel posto di lavoro e condanna della società al risarcimento del danno, in misura pari alle mensilità di retribuzione maturate dalla data del ricorso fino alla data di riammissione in servizio. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.025 secondi