Cassazione civile Sez. lavoro Sentenza n. 21436 del 30/08/2018

Cassazione civile Sez. lavoro Sentenza n. 21436 del 30/08/2018
Lunedi 10 Settembre 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BERRINO Umberto - Presidente -

Dott. LEONE Margherita Maria - rel. Consigliere -

Dott. RIVERSO Roberto - Consigliere -

Dott. PONTERIO Carla - Consigliere -

Dott. MARCHESE Gabriella - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3423/2013 proposto da:

I.A., (OMISSIS), domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall'avvocato PASQUALE PIZZUTI, giusta mandato in atti;

- ricorrente -

contro

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE (I.N.P.S.), in persona del legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l'Avvocatura Centrale dell'Istituto medesimo, rappresentato e difeso dagli avvocati EMANUELE DE ROSE, ANTONINO SGROI, CARLA D'ALOISIO e LELIO MARITATO, giusta procura in calce al ricorso notificato;

- resistente -

avverso la sentenza n. 1145/2011 della CORTE D'APPELLO di SALERNO, depositata il 02/04/2012 r.g. n. 401/2009;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 14/02/2018 dal Consigliere Dott. MARGHERITA MARIA LEONE;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SANLORENZO Rita, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

La Corte di appello di Salerno con La sentenza n. 1145/2011, aveva confermato la decisione del Tribunale locale di rigetto della opposizione proposta da I.A. avverso il decreto ingiuntivo n. 2205/1993. Esponeva la Corte che il decreto ingiuntivo costituiva res iudicata poichè l'ascendente della appellante I.O., destinatario originario della ingiunzione, non aveva interposto alcuna impugnativa nei termini di legge. Riteneva altresì infondata l'eccezione di prescrizione del credito azionato, in quanto presenti in giudizio gli atti interruttivi della eccepita prescrizione decennale, e comunque infondata la eccezione di carenza di legittimazione passiva della ricorrente, in quanto, la stessa, non aveva fornito la prova della rinuncia alla eredità nei confronti del de cuius, I.O., pur a seguito di specifica diffida, da parte dell'Inps, ad adempiere al pagamento del credito sostenuto dal titolo esecutivo ovvero a rappresentare ed allegare la rinuncia all'eredità. I.A. proponeva ricorso in cassazione affidandolo a tre motivi. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.048 secondi