Cassazione civile Sez. III Sentenza n. 17725 del 06/07/2018

Giovedi 12 Luglio 2018

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita - Presidente -

Dott. DI FLORIO Antonella - rel. Consigliere -

Dott. CIGNA Mario - Consigliere -

Dott. SCARANO Luigi Alessandro - Consigliere -

Dott. GUIZZI Stefano Giaime - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 24619/52016 proposto da:

G.A., elettivamente domiciliato in ROMA, V. TRIONFALE 21, presso lo studio dell'avvocato SIMONA PALAMA', rappresentato e difeso dall'avvocato LUIGI GIUSEPPE BOSELLI giusta procura in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

TAMOIL ITALIA SPA, in persona del Dott. L.L., Amministratore Delegato e legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA TIMAVO 12, presso lo studio dell'avvocato SERGIO USAI, rappresentata e difesa dall'avvocato PAOLO SAVI giusta procura in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 3579/2015 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 17/09/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 05/02/2018 dal Consigliere Dott. ANTONELLA DI FLORIO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PATRONE Ignazio, che ha concluso per il rigetto;

udito l'Avvocato LUIGI GIUSEPPE BOSELLI;

udito l'Avvocato SERGIO USATI per delega non scritta.

Svolgimento del processo

1. La Tamoil Italia Spa propose opposizione al decreto ingiuntivo emesso in favore di G.A. per il pagamento di una somma a titolo di rimborso "cali di giacenza" del carburante fornito per gli anni 2002/2005: deduceva che il ricorrente aveva omesso di decurtare dall'importo richiesto quello corrispondente alla franchigia ed ai cali di trasporto e che, inoltre, l'importo era stato erroneamente calcolato in quanto riferito al prezzo medio di rivendita al pubblico e non a quello previsto per il gestore.

2. Il Tribunale di Milano accolse l'opposizione e, preso atto della somma offerta banco iudicis nelle more al ricorrente, interamente satisfativa della somma ricalcolata, revocò il decreto ingiuntivo opposto, compensando le spese di lite.

La Corte d'Appello di Milano ha respinto l'appello.

3. Il G. ricorre per la cassazione della predetta sentenza affidandosi a due motivi, illustrati anche da memoria.

4. La Tamoil Italia Spa ha resistito con controricorso.

Motivi della decisione

1. Con il primo motivo il ricorrente deduce, ex art. 360, n. 3, la violazione dell'art. 112 c.p.c. e dell'accordo interprofessionale del 1984 stipulato fra l'Unione Petrolifera e le Associazioni dei gestori disciplinanti le procedure di giacenza; lamenta altresì, ex art. 360, n. 5, l'omesso esame di un fatto decisivo per la controversia e cioè l'avvenuta contestazione (contenuta nella comparsa di risposta del giudizio di opposizione) dell'entità numerica complessiva dei "cali di trasporto" decurtati dalla Tamoil Spa, assumendo che la Corte territoriale aveva erroneamente ritenuto che non fosse stato sollevato alcun rilievo.

2. Il motivo è inammissibile.

In realtà il ricorrente, pur invocando formalmente l'art. 360, nn. 3 e 5, sotto "due profili concorrenti ma anche autonomamente rilevanti", denuncia l'insufficienza e contraddittorietà della motivazione (pag. 6 del ricorso) criticando la sentenza impugnata attraverso la trascrizione di tutte le fasi istruttorie svolte anche nel giudizio di primo grado e limitandosi ad enunciare una interpretazione della disciplina contenuta nell'Accordo interprofessionale del 1984 diversa da quella articolata nella sentenza impugnata e priva di specifiche censure: al riguardo, si osserva che la Corte ha esaminato i sette motivi d'appello proposti partendo dalle argomentazioni, evidentemente condivise, del giudice di primo grado ed ha tenuto conto, nella propria decisione, delle stesse risultanze istruttorie riportate nel ricorso (cfr. richiamo alle deposizioni testimoniali dei testi M. e Mo.) dando una soluzione diversa da quella auspicata dal ricorrente.

In tale situazione, tenuto conto della congruità e logicità della motivazione, le censure risultano aspecifiche e chiedono una complessiva rivalutazione della causa nel merito, notoriamente preclusa in sede di legittimità (cfr. ex multis Cass. 3881/2006; Cass. 12052/2007; Cass. 3267/2008; Cass. 25332/2014 e Cass. 8758/2017; in ordine alla mancanza di specificità cfr. da ultimo Cass. 1479/2018).

3. Con il secondo motivo il G. lamenta, ex art. 360, n. 3, la violazione dell'art. 1282 c.c. e dell'art. 112 c.p.c., in relazione alla mancata liquidazione degli interessi di mora; deduce altresì, sulla medesima questione, richiamando l'art. 360 c.p.c., n. 5, l'omesso esame della relativa domanda, tempestivamente avanzata, nonchè l'espresso riconoscimento della controparte attraverso un documento prodotto.

4. Il motivo è fondato.

La Corte territoriale, infatti, ha respinto la censura riguardante gli interessi calcolati al tasso di cui al D.Lgs. n. 231 del 2002, affermando che la domanda monitoria "era limitata a quelli al tasso legale": in tal modo i giudici d'appello hanno omesso di considerare che nel giudizio di opposizione il G. aveva avanzato la relativa richiesta e che la Tamoil ne aveva riconosciuto la spettanza (v. al riguardo doc 37 fasc. primo grado).

Al riguardo, questa Corte ha avuto modo di chiarire che "in tema di opposizione a decreto ingiuntivo, la richiesta di ulteriore di pagamento degli interessi convenzionali relativi al credito dedotto in sede monitoria formulata dall'opposto in comparsa di risposta non implica modifica della domanda originaria, così come non integra (a maggior ragione) gli estremi di una domanda riconvenzionale, costituendo una mera "emendatio libelli", siccome comportante un mero ampliamento del "petitum" al fine di renderlo più idoneo al concreto ed effettivo soddisfacimento della pretesa fatta valere" (cfr. Cass. 75/2010; Cass. 16155/2010; Cass. 18767/2013; peraltro v. anche S.U. 12310/2015);

La sentenza deve, pertanto, essere cassata in relazione al motivo accolto e rinviata alla Corte d'Appello di Milano per il riesame della specifica questione alla luce del principio di diritto sopra evidenziato e per la decisione sulle spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte:

dichiara inammissibile il primo motivo; accoglie il secondo; cassa al sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia alla Corte d'Appello di Milano in diversa composizione per un nuovo esame e per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 5 febbraio 2018.

Depositato in Cancelleria il 6 luglio 2018

Collabora con la Redazione

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.019 secondi