Cassazione civile Sez. III, Sentenza n. 14699 del 19/07/2016

Cassazione civile Sez. III, Sentenza n. 14699 del 19/07/2016
Mercoledi 7 Settembre 2016
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita - Presidente -

Dott. SPIRITO Angelo - Consigliere -

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - Consigliere -

Dott. GRAZIOSI Chiara - rel. Consigliere -

Dott. SCRIMA Antonietta - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 20178/2013 proposto da:

G.C., (OMISSIS), domiciliata ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato MARCO MECACCI giusta procura speciale a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

AXA ASSICURAZIONI SPA, in persona del suo legale rappresentante Dr. R.M., elettivamente domiciliata in ROMA, C.SO VITTORIO EMANUELE II 252, presso lo studio dell’avvocato PAOLO NESTA, che la rappresenta e difende giusta procura speciale a margine del controricorso;

- controricorrente -

e contro

C.E., V.L.;

- intimati -

avverso la sentenza n. 2568/2012 della CORTE D’APPELLO di MILANO, depositata il 04/09/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 24/02/2016 dal Consigliere Dott. CHIARA GRAZIOSI;

udito l’Avvocato MARCO MECACCI;

udito l’Avvocato PAOLO NESTA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FUZIO Riccardo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

1. Con sentenza del 13 ottobre 2011 il Tribunale di Milano respingeva domanda di risarcimento di danni derivati da un sinistro stradale del (OMISSIS) proposta da G.C. nei confronti di C.E. (conducente dell’auto in cui l’attrice era trasportata), V.L. (proprietaria dell’auto e madre dell’attrice) e Axa Assicurazioni S.p.A. (compagnia assicuratrice dell’auto): incidente in cui, avendo l’attrice stessa permesso al C. - come lei diciottenne e di lei amico - di guidare l’auto della madre nonostante il suddetto avesse soltanto il foglio rosa, il Tribunale riteneva che l’attrice (la quale invece aveva la patente) avesse voluto assistere l’amico in una simulazione di guida, assumendosene conseguentemente la responsabilita’ e non potendo quindi pretendere alcun risarcimento ai sensi dell’art. 1227 c.c., comma 2. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.059 secondi