Agenzia delle Entrate: l'usufrutto ceduto Ŕ esente da iva

Agenzia delle Entrate: l'usufrutto ceduto Ŕ esente da iva
Venerdi 6 Febbraio 2009

Con la Risoluzione n. 405 del 30 ottobre 2008, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che la temporanea concessione dell'usufrutto di un immobile ad uso abitativo ai propri soci, dietro pagamento di un corrispettivo, è da considerarsi un'operazione esente ai fini IVA in quanto assimilabile ad una locazione, senza costituzione di un diritto reale.

Secondo l'Amministrazione finanziaria, inoltre, il pagamento di un corrispettivo concordato ai sensi della Legge n. 431/1998, esclude l'ipotesi che la locazione dell'immobile in favore dei soci della società possa qualificarsi come "gestione di comodo".

L'Agenzia ricorda che non costituiscono attività commerciali ai fini IVA il possesso e la gestione di unità immobiliari di categoria A (escluse A10) e le pertinenze da parte di società o enti, quando consentano, gratuitamente o dietro pagamento di un corrispettivo inferiore al valore normale, il godimento personale o familiare dei beni.

Leggi il documento

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.019 secondi