Corte di Cassazione Sezione U Civile Sentenza 12 aprile 2019 n. 10378

Corte di Cassazione Sezione U Civile Sentenza 12 aprile 2019 n. 10378
Mercoledi 17 Aprile 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONI UNITE CIVILI


Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro - Primo Presidente f.f.

Dott. MANNA Felice - Presidente di Sez.

Dott. GENOVESE Francesco Antonio - Consigliere

Dott. BERRINO Umberto - Consigliere

Dott. FRASCA Raffaele - Consigliere

Dott. DORONZO Adriana - Consigliere

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi - rel. Consigliere

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 3172-2013 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO;

- ricorrente -

contro

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell'avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall'avvocato (OMISSIS);

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 112/2012 della COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI BARI - SEZIONE DISTACCATA di FOGGIA, depositata l'11/06/2012.

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 26/03/2019 dal Consigliere ERNESTINO LUIGI BRUSCHETTA;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

uditi gli Avvocati (OMISSIS) per l'Avvocatura Generale dello Stato e (OMISSIS).

FATTI DI CAUSA

1. Con l'impugnata sentenza la Regionale della Puglia, rigettato l'appello dell'Agenzia, confermava la prima decisione che aveva accolto il ricorso promosso da (OMISSIS) avverso la cartella di pagamento emessa a seguito di controllo formale, Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, ex articolo 36 ter, per la riscossione delle somme che il suo sostituto d'imposta non aveva provveduto a versare, pur avendo operato le ritenute d'acconto.

2. La Regionale, dopo aver rilevato che il Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, articolo 22 riconosceva al sostituito il diritto allo scomputo delle ritenute d'acconto effettuate dal sostituto, spiegava che nel caso pervenuto all'esame non poteva trovare applicazione il Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, articolo 35, perche' quest'ultimo prevedeva la solidarieta' del sostituito solamente in ipotesi di "omissione sia della ritenuta sia del versamento relativo". ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.045 secondi