Cassazione civile Sez. II Sentenza del 31/03/2017 n.8492

Cassazione civile Sez. II Sentenza del 31/03/2017 n.8492
Venerdi 7 Aprile 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BUCCIANTE Ettore - Presidente -

Dott. PETITTI Stefano - Consigliere -

Dott. MANNA Felice - rel. Consigliere -

Dott. GIUSTI Alberto - Consigliere -

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 25490/2012 proposto da:

CONDOMINIO (OMISSIS) (OMISSIS), IN PERSONA DELL'AMM.RE P.T., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR, presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli Avv.ti LIBORIO MENNELLA, RAFFAELE MIELE;

- ricorrente -

contro

I.P.;

- intimato -

avverso l'ordinanza n. 2148/2012 del GIUDICE DI PACE di NAPOLI, depositata il 27/04/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 07/12/2016 dal Consigliere Dott. FELICE MANNA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. PEPE Alessandro, che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.

Svolgimento del processo

L'avv. I.P. adiva il giudice di pace di Napoli, in base alla L. n. 794 del 1942, art. 28, per ottenere la liquidazione del proprio compenso professionale per prestazioni giudiziali (ricorsi per decreti ingiuntivi e, per alcuni di questi, anche le relative cause di opposizione) rese in favore del condominio di (OMISSIS).

Nel resistere il predetto condominio eccepiva l'incompletezza del ricorso, il quale non recava nè richieste nè conclusioni specifiche cui, in ipotesi, poter contraddire.

Con ordinanza n. 2148/12 il giudice di pace liquidava per l'opera svolta la somma di Euro 3.480,50, oltre interessi legali dal 21.3.2006 (data della richiesta stragiudiziale) al soddisfo. Osservava il giudice di pace che l'eccezione di incompletezza del ricorso non specificava il criterio in base al quale la copia notificata sarebbe stata incompleta ed inintelligibile; che sostanzialmente il condominio nulla aveva eccepito sulla somma richiesta; e che agli atti del fascicolo del ricorrente non vi era documentazione probatoria relativa ai giudizi d'opposizione e alle relative spese liquidate. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.042 secondi