Cassazione civile Sez. II Sentenza n. 29099 del 05/12/2017

Cassazione civile Sez. II Sentenza n. 29099 del 05/12/2017
Mercoledi 13 Dicembre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIANCHINI Bruno - Presidente -

Dott. ORILIA Lorenzo - rel. Consigliere -

Dott. ORICCHIO Antonio - Consigliere -

Dott. FEDERICO Guido - Consigliere -

Dott. CAVALLARI Dario - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 14231/2013 proposto da:

C.D., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA ATTILIO FRIGGERI 106, presso lo studio dell'avvocato MICHELE TAMPONI, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato SALVATORE DEIANA;

- ricorrente -

contro

B.A., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE G. MAZZINI 140, presso lo studio dell'avvocato PIERLUIGI LUCATTONI, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato ALESSANDRO MENCARELLI;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 150/2013 della CORTE D'APPELLO di FIRENZE, depositata il 20/01/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 17/10/2017 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SGROI Carmelo, che ha concluso per il rigetto del ricorso;

udito l'Avvocato TAMPONI Michele difensore del ricorrente che si riporta agli atti depositati;

udito l'Avvocato FARNETI Marco, con delega depositata in udienza dell'Avvocato Alessandro MENCARELLI, difensore del resistente che si riporta agli atti depositati.

Svolgimento del processo

1 Nel 2001 B.A., in qualità di legale rappresentante della Seleda Data sas, convenne davanti al Tribunale di Firenze C.D. assumendo di avergli commissionato, con contratto del 7.8.2000, lo sviluppo di un software destinato alla gestione di risultati elettorali e, lamentando l'incompletezza dell'opera nonchè la mancanza di utilità, visto l'esito negativo della precedente diffida ad adempiere, domandò la risoluzione per inadempimento del convenuto e la condanna dello stesso alla restituzione del corrispettivo e al risarcimento dei danni.

Il C., costituitosi, contestò l'inadempimento ed eccepì la decadenza dell'attore in ordine alla denunzia dei vizi ex art. 2226 c.c.; in via riconvenzionale chiese a sua volta che la risoluzione fosse pronunciata per inadempimento del committente e che quest'ultimo fosse condannato al pagamento delle somme ancora dovute, oltre al risarcimento dei danni. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.04 secondi