Cassazione civile Sez. II Sentenza n. 23756 del 22/11/2016

Lunedi 23 Gennaio 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BIANCHINI Bruno - Presidente -

Dott. PARZIALE Ippolisto - Consigliere -

Dott. ABETE Luigi - Consigliere -

Dott. FALABELLA Massimo - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 8342-2012 proposto da:

P.A., (OMISSIS), M.A. elettivamente domiciliati in ROMA, V. SALARIA 320, presso lo studio dell'avvocato LUCIA LUTRARIO, rappresentati e difesi dall'avvocato VINCENZO MARADEI in virtù di procura in calce al ricorso;

- ricorrenti -

contro

MI.PA., MU.IO., MI.RO.MA., CONDOMINIO (OMISSIS), MI.LU., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA CURZIO RUFO 10, presso lo studio dell'avvocato NINA ALESSANDRA ZACCARA, rappresentati e difesi dall'avvocato DOMENICO BUONO in virtù di procura a margine del controricorso;

- controricorrenti -

avverso la sentenza n. 151/2011 della CORTE D'APPELLO di CATANZARO, depositata il 11/02/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 30/09/2016 dal Consigliere Dott. MAURO CRISCUOLO;

udito l'Avvocato Lo Polito Domenico per delega dell'Avvocato Maradei per i ricorrenti;

udito il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

Con atto di citazione notificato in data 12-15 ottobre 1996 P.A. e M.A. convenivano in giudizio dinanzi al Tribunale di Castrovillari il condominio (OMISSIS), Mi.Fr. e Mu.Io., assumendo di essere proprietari di un appartamento ubicato nel detto stabile, di cui Mi.Fr. era amministratore, oltre che proprietario di immobili che rappresentavano la maggior parte delle quote condominali.

Nel 1993 avevano provveduto, previa comunicazione all'amministratore, e previo consenso verbale di quest'ultimo, al distacco del loro appartamento dall'impianto di riscaldamento centralizzato, ma che ciò malgrado il condominio pretendeva il pagamento dell'intera quota condominiale, comprensiva anche dei consumi di carburante. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.016 secondi