Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 3436 del 13/02/2018

Cassazione civile Sez. VI - 1 Ordinanza n. 3436 del 13/02/2018
Venerdi 23 Febbraio 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro - Presidente -

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria - Consigliere -

Dott. SCALDAFERRI Andrea - Consigliere -

Dott. SAMBITO Maria Giovanna C. - Consigliere -

Dott. ACIERNO Maria - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2006-2014 proposto da:

V.F., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA COLA DI RIENZO n. 28, presso lo studio dell'avvocato ROBERTO ZAZZA, che lo rappresenta e difende unitamente all'avvocato RENATO VENFRUSO;

- ricorrente -

contro

CESAME-CERAMICA SANITARIA DEL MEDITERRANEO S.P.A., in amministrazione straordinaria, in persona del legale rappresentante pro-tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA PO n. 25/B, presso lo studio dell'avvocato ROBERTO PESSI, che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato MAURIZIO SANTORI;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 1664/2012 della CORTE D'APPELLO di CATANIA, emessa il 29/10/2012;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del 14/11/2017 dal Consigliere Dott. MARIA ACIERNO.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

La Corte d'appello di Catania, con sentenza n. 1664/2012, ha dichiarato inammissibile per tardività l'impugnazione avverso la sentenza del Tribunale con la duale era stato respinto il ricorso di insinuazione tardiva al passivo della s.p.a. Cesame da parte di V.F. per importi relativi al rapporto di lavoro cessato con la società in amministrazione straordinaria. Ha rilevato la Corte territoriale, infatti, che l'appello era stato proposto con ricorso notificato alla Cesame s.p.a. in data 19.05.2010, oltre il termine di sessanta giorni decorrente dal deposito della sentenza di primo grado avvenuto in data 05.03.2009.

Avverso tale pronuncia ha proposto ricorso per cassazione il V. contestando la rilevata tardività dell'impugnazione e denunciando, in particolare, la violazione degliartt. 325 e 327 c.p.c.. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.033 secondi