Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza n. 1245 del 17/01/2019

Cassazione civile Sez. VI - 2 Ordinanza n. 1245 del 17/01/2019
Lunedi 25 Febbraio 2019
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 2

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. D’ASCOLA Pasquale - Presidente -

Dott. ORILIA Lorenzo - rel. Consigliere -

Dott. COSENTINO Antonello - Consigliere -

Dott. FALASCHI Milena - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 29827-2017 proposto da:

D.D.L.G., V.S., V.A., elettivamente domiciliati in ROMA, via VAL D'OSSOLA 25, presso lo studio dell'avvocato GABRIELE LEONTI, rappresentati e difesi dall'avvocato ALFIO FRANCO AMATO;

- ricorrenti -

contro

P.B.D.D. e avv. P.S. rappresentati e difesi da quest'ultimo ed elettivamente domiciliati in Roma via Giuseppe Pisanelli 2 presso l'avv. Francesca Romana Fuselli;

- controricorrenti -

e VI.GI.;

- intimato -

avverso la sentenza n. 2007/2017 della CORTE D'APPELLO di CATANIA, depositata il 03/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 10/10/2018 dal Consigliere Dott. LORENZO ORILIA.

Svolgimento del processo

1 La Corte d'Appello di Catania, con sentenza 3.11.2017, ha rigettato l'appello proposto da Pi.Fl., V.S., V.A. e D.D.L.G. contro la decisione di primo grado (Tribunale di Catania n. 2305/2014) che, nel giudizio contro di essi promosso da P.B.D.D. e P.S., aveva dichiarato la natura comune del sottotetto sito nell'edificio di (OMISSIS) in San Giovanni La Punta.

Per giungere a tale conclusione la Corte di merito ha accertato, sulla scorta dei rilievi peritali, che il sottotetto in questione era oggettivamente destinato (anche solo potenzialmente) all'uso comune o all'esercizio di un servizio nell'interesse comune e quindi, nel silenzio del titolo, secondo la giurisprudenza di legittimità, doveva operare la presunzione di condominialità, come correttamente affermato dal primo giudice, rivelandosi quindi errata la tesi degli appellanti che, dal silenzio del titolo facevano discendere la riserva di proprietà esclusiva dei costruttori. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.052 secondi