Cassazione civile Sez. III Sentenza del 29/09/2017 n.22800

Cassazione civile Sez. III Sentenza del 29/09/2017 n.22800
Venerdi 6 Ottobre 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita - Presidente -

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - Consigliere -

Dott. OLIVIERI Stefano - rel. Consigliere -

Dott. CIRILLO Francesco Maria - Consigliere -

Dott. POSITANO Gabriele - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 12384-2014 proposto da:

C.E., S.M., elettivamente domiciliati in ROMA, CORSO VITTORIO EMANUELE II 308, presso lo studio dell'avvocato UGO RUFFOLO, rappresentati e difesi dall'avvocato ANGELO DE NINA giusta procura a margine del ricorso;

- ricorrenti -

contro

ITALIANA ASSICURAZIONI SPA quale incorporante LA PIEMONTESE ASSICURAZIONI SPA, in persona del Dirigente Procuratore dott. N.E.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA F. DENZA 15, presso lo studio dell'avvocato STEFANO MASTROLILLI che la rappresenta e difende unitamente all'avvocato RENATO MARTORELLI giusta procura a margine del controricorso;

- controricorrenti -

contro

MINISTERO PUBBLICA ISTRUZIONE 80185250588, in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende per legge;

- resistente -

avverso la sentenza n. 4270/2013 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 20/11/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 16/12/2016 dal Consigliere Dott. STEFANO OLIVIERI;

udito l'Avvocato ANGELO DE NINA;

udito l'Avvocato NICOLA PAGNOTTA per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SOLDI ANNA MARIA che ha concluso per il rigetto.

Svolgimento del processo

La Corte d'appello di Milano, con sentenza 20.11.2013 n. 4270, rigettava l'appello principale proposto da S.M. ed C.E., genitori esercenti la potestà sulla minore S.C., ritenendo che il Ministero della Istruzione avesse assolto all'onere della prova liberatoria ex art. 1218 c.c. - in ordine al contestato inadempimento della obbligazione "ex contractu" concernente la erogazione del servizio di istruzione - relativamente ai doveri di apprestamento delle misure di sicurezza idonee ad ospitare nella scuola gli alunni e al dovere di vigilanza dei soggetti di minore d'età imposto all'insegnante al quale sono affidati. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.041 secondi