Cassazione civile Sez. III, Sentenza del 11/07/2017 n.17048

Cassazione civile Sez. III, Sentenza del 11/07/2017 n.17048
Martedi 1 Agosto 2017
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMBROSIO Annamaria - Presidente -

Dott. ARMANO Uliana - Consigliere -

Dott. SESTINI Danilo - Consigliere -

Dott. ROSSETTI Marco - Consigliere -

Dott. D’ARRIGO Cosimo - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 25476-2015 proposto da:

LARIO IMPIANTI SRL, in persona del proprio legale rappresentante pro tempore sig.ra F.A., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA RUGGERO FAURO 102, presso lo studio dell'avvocato ITALO ROMAGNOLI, rappresentata e difesa dall'avvocato LUCA FRANCESCO PEREGO giusta procura a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

R.G., considerato domiciliato ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall'avvocato FRANCESCO FACCHINI giusta procura in calce al controricorso;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 679/2015 della CORTE D'APPELLO di MILANO, depositata il 19/03/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 20/12/2016 dal Consigliere Dott. COSIMO D'ARRIGO;

udito l'Avvocato LUCA FRANCESCO PEREGO;

udito l'Avvocato MARCO FRANCOLINI per delega;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SOLDI Anna Maria, che ha concluso per l'inammissibilità o rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

La Lario Impianti s.r.l. propose opposizione avverso il decreto ingiuntivo con il quale il Tribunale di Lecco le aveva ingiunto il pagamento, in favore di R.G., della somma di Euro 11.666,69, oltre interessi e spese di procedimento a titolo di canoni insoluti relativi al contratto di locazione intercorso tra le parti, avente ad oggetto un capannone industriale sito in (OMISSIS).

L'opponente dedusse che in base alle pattuizioni contrattuali l'immobile doveva "essere adibito dalla conduttrice ad uso artigianale-commerciale per la produzione, assemblaggio, stoccaggio di impianti per il sollevamento a terra ed in acqua di natanti in genere, nonchè commercializzazione e assistenza tecnica dei prodotti stessi"; che, avendo la necessità di effettuare all'interno dell'immobile alcuni interventi per renderlo confacente alle proprie esigenze commerciali, presentò al Comune di Garlate apposita richiesta; che il Comune non assentì all'intervento, in quanto in contrasto con le previsioni del P.R.G., posto che l'immobile risultava essere inserito all'interno di una zona ad esclusiva destinazione residenziale; che tale circostanza, sconosciuta prima di allora alla società conduttrice, integrava gli estremi dell'errore (o del dolo) idonei ad annullare il contratto di locazione; che, in via subordinata, era ravvisabile l'inadempimento di parte locatrice per l'inidoneità dell'immobile all'uso contrattuale; che aveva subito ingenti danni, riguardanti le spese sostenute per l'impianto dell'attività, rese vane dall'inutilizzabilità dell'immobile. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratis alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall’Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.04 secondi