Cassazione civile Sez. III Sentenza n. 24571 del 05/10/2018

Cassazione civile Sez. III Sentenza n. 24571 del 05/10/2018
Lunedi 3 Dicembre 2018
Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

Inserisci la tua email e clicca su Entra (se non sei ancora iscritto ti sarà richiesto di attivare l'email).
L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.

Informativa sulla Privacy


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE STEFANO Franco - Presidente -

Dott. RUBINO Lina - Consigliere -

Dott. ROSSETTI Marco - Consigliere -

Dott. TATANGELO Augusto - Consigliere -

Dott. PORRECA Paolo - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 12087-2017 proposto da:

AZIENDA SANITARIA LOCALE SALERNO, in persona del Direttore Generale e legale rappresentante p.t. dott. G.A., domiciliata ex lege in ROMA, presso la CANCELLERIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dagli avvocati WALTER MARIA RAMUNNI, GENNARO SASSO giusta procura speciale a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

D.C.V., elettivamente domiciliato in ROMA, CORSO VITTORIO EMANUELE 154, presso lo studio dell'avvocato VINCENZO SPARANO, rappresentato e difeso dall'avvocato VINCENZO PAOLO DE CESARE giusta procura speciale in atti;

- controricorrente - avverso la sentenza n. 1725/2017 del TRIBUNALE di SALERNO, depositata il 06/04/2017;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 13/07/2018 dal Consigliere Dott. PAOLO PORRECA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SOLDI ANNA MARIA, che ha concluso per l'accoglimento del l motivo;

udito l'Avvocato D.C.V.;

Svolgimento del processo

L'avvocato D.C.V. chiedeva e otteneva un decreto ingiuntivo, nei confronti dell'ASL di Salerno, per il pagamento di una somma quale importo dovuto, in qualità di difensore distrattario, per l'attività svolta in una procedura di espropriazione presso terzi. Nella prospettazione del richiedente, accolta con l'ingiunzione, le somme erano state liquidate con l'ordinanza di assegnazione, ma parzialmente non incassate per incapienza, sicchè l'esecutato, quale soccombente nel processo esecutivo, era rimasto debitore delle stesse, fondate sulla prova scritta costituita dall'ordinanza in parola.

L'ASL di Salerno si opponeva al provvedimento monitorio sostenendone l'inammissibilità, attesa l'insussistenza del diritto di agire al di fuori del processo esecutivo per ottenere il recupero delle relative spese in quello non soddisfatte e dato, altresì, l'abusivo frazionamento del credito posto in essere dall'istante che aveva notificato tanti decreti ingiuntivi quante erano le procedure esecutive in cui si era verificata la medesima incapienza e conseguente insoddisfazione. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.033 secondi