Obbligo di segnalazione in centrale rischi del debitore ceduto da parte del cessionario

Sulla legittimità della segnalazione in Centrale Rischi resa in continuità dal creditore cessionario nell’ambito di operazione di cartolarizzazione.

Mercoledi 5 Aprile 2023

Commento al provvedimento n. 1317 reso dall’Arbitro Bancario e Finanziario reso lo scorso 10.02.2023.

È legittima la segnalazione a sofferenza effettuata dal cessionario in continuità col cedente, a meno che non risultino elementi sopravvenuti tali da rendere necessaria una diversa valutazione della posizione del debitore”.

Questo il principio espresso dal Collegio di Coordinamento con una decisione emessa a definizione di un giudizio avente ad oggetto la richiesta di cancellazione “ab origine” della segnalazione in continuità nella Centrale Rischi della Banca d’Italia per carenza del presupposto formale e sostanziale. 

Nello caso esaminato, ci si interroga sui presupposti di legittimità della segnalazione in continuità effettuata dal cessionario su di un credito originariamente appostato a sofferenza nella Centrale Rischi dalla Banca cedente.

Specificamente, in base alla tesi sostenuta dal debitore, tale segnalazione in continuità sarebbe illegittima, essendo avvenuta in assenza di una autonoma valutazione ponderata della situazione patrimoniale e finanziaria complessiva da parte del cessionario.

Il Collegio, per stabilire se l’intermediario cessionario possa segnalare in continuità senza essere tenuto ad effettuare un’autonoma valutazione della sofferenza del debitore, richiama le disposizioni della Circolare n. 139/1991 – cap. II, sez. 1, par. 8 – la quale chiarisce che “Salvo che ricorrano i presupposti per una diversa classificazione”, il cessionario “segnala tra le sofferenze i crediti acquistati aventi come debitori ceduti i soggetti precedentemente segnalati in sofferenza” (Cap. 2, sez. II, par. 5.6).

La formulazione letterale del menzionato cap. II, sez. 1, par. 8, allude, quindi, a una segnalazione fondata sulla precedente e in continuità con questa, ma esclude ogni automatismo, facendo salva la possibilità di valutare circostanze idonee a condurre a una classificazione diversa del debito.

Come noto, l’appostazione a sofferenza in Centrale Rischi costituisce un’informazione pubblica, diretta a rendere avvertiti gli intermediari partecipanti a tale servizio in ordine alla potenziale difficoltà del debitore segnalato di onorare le proprie future obbligazioni; essa, in particolare, risponde all’esigenza di garantire il corretto funzionamento del mercato del credito ed è il mezzo istituzionalmente teso a permettere che la Banca d’Italia svolga la pubblica funzione di vigilanza sulle imprese bancarie. Su questa informazione, dunque, deve poter fare affidamento (anche) il cessionario, che può così essere esonerato dall’effettuare una valutazione ab initio della situazione finanziaria complessiva del debitore.

D’altronde, la decisione in commento, ricalcando precedenti pronunce dei diversi Collegi territoriali, stabilisce il principio secondo il quale, l’appostazione a sofferenza richiede al cessionario un’indagine avente ad oggetto i soli ed eventuali elementi sopravvenuti, i quali, in considerazione delle modifiche in melius potenzialmente intervenute nella complessiva situazione finanziaria del cliente, potrebbero indurlo a una diversa classificazione del debito (Coll. Roma, dec. n. 6190 del 15/04/2022, conformi dec. n. 19493 del 03/09/2021, dec. n. 21684; n. 10135 del 5 luglio 2022, cit.).

Sulla scorta di tale orientamento, si può giungere alla conclusione per cui è da ritenersi legittima la segnalazione in continuità effettuata dal creditore cessionario tutte le volte in cui non si ravvisi l’esistenza di elementi sopravvenuti rilevanti concernenti la complessiva situazione patrimoniale del debitore segnalato.

Pertanto, se non risultano elementi sopravvenuti idonei a condurre ad una diversa classificazione del credito da parte del cessionario, la segnalazione in continuità è legittima anche in assenza di una autonoma valutazione della situazione patrimoniale e finanziaria complessiva da parte del cessionario e la domanda di cancellazione dalla Centrale Rischi non potrà essere accolta.

Allegato:

Pagina generata in 0.077 secondi