Cassazione civile Sez. II Ordinanza n. 23754 del 01/10/2018

Mercoledi 31 Ottobre 2018

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

ISCRIVITI

L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIUSTI Alberto - Presidente -

Dott. CASADONTE Annamaria - Consigliere -

Dott. CRISCUOLO Mauro - rel. Consigliere -

Dott. DONGIACOMO Giuseppe - Consigliere -

Dott. BESSO MARCHEIS Chiara - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 25978/2014 proposto da:

M.M.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA FRANCESCO SIACCI 39 presso lo studio dell'avvocato GIUSEPPE ANTONIO SINESIO e rappresentata e difesa dall'avvocato VINCENZO CAPONNETTO giusta procura in calce al ricorso;

- ricorrente -

contro

MA.CA., N.P., N.G., elettivamente domiciliati in ROMA alla VIA CARLO POMA 2, presso lo studio dell'avvocato ROBERTO AMODEO, e rappresentati e difesi in virtù di procura in calce al controricorso dall'avvocato GIUSEPPA PIAZZA;

- controricorrenti -

nonchè T.G., P.A.;

- intimate -

avverso la sentenza n. 841/2014 della CORTE D'APPELLO DI PALERMO, depositata il 21/05/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 14/06/2018 dal Consigliere Dott. MAURO CRISCUOLO;

Lette le conclusioni del Sostituto Procuratore Generale dott. LUCIO CAPASSO che ha chiesto accogliersi il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

1. Ma.Ca. e T.G., premettendo di essere proprietarie di due appartamenti siti in (OMISSIS) all'ultimo piano dell'edificio di via (OMISSIS), convenivano in giudizio M.M.G. dinanzi al Tribunale di Agrigento affinchè fosse condannata a rimuovere in via d'urgenza una canna fumaria che era stata apposta lungo la facciata ovest dell'edificio, in violazione anche delle norme in materia di distanze, al fine di eliminare i fumi, il calore e gli odori prodotti dall'attività di ristorazione svolta in un ristorante posto a piano terra.

All'esito di una CTU il giudice adito ordinava alla M. l'immediata rimozione della canna fumaria e la sua collocazione in altro sito, con l'osservanza delle norme vigenti in materia di distanze. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Pagina generata in 0.032 secondi