Cassazione civile Sez. III Ordinanza del 29/09/2017 n.22811

Giovedi 12 Ottobre 2017

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

ISCRIVITI

L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRAVAGLINO Giacomo - Presidente -

Dott. SESTINI Danilo - Consigliere -

Dott. RUBINO Lina - Consigliere -

Dott. CIRILLO Francesco Maria - Consigliere -

Dott. MOSCARINI Anna - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2342-2015 proposto da:

S.V., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZALE CLODIO 12, presso lo studio dell'avvocato EMANUELA BELLARDINI, rappresentato e difeso dall'avvocato RITA BORZA giusta procura a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

ASSICURAZIONI GENERALI ITALIA SPA, in persona del suo procuratore speciale, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DELLA MERCEDE 11, presso lo studio dell'avvocato ANNAMARIA SCULLI, rappresentata e difesa dall'avvocato VINCENZO DI FLORIO giusta procura in calce al controricorso;

- controricorrente -

e contro

L.S., ISTITUTO NAZIONALE PER L'ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO, (OMISSIS), G.A.;

- intimati - avverso la sentenza n. 318/2014 della CORTE D'APPELLO di SALERNO, depositata il 24/07/2014;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 23/03/2017 dal Consigliere Dott. ANNA MOSCARINI.

Svolgimento del processo

G.M. percorreva la via (OMISSIS), in località (OMISSIS), a bordo del suo ciclomotore quando, all'altezza del civico n. (OMISSIS), venne travolto frontalmente ed ucciso dall'auto Peugeot 106, condotta dal proprietario L.S..

Il conducente dell'auto, fuggito dando poi fuoco alla macchina per evitarne l'individuazione, venne tratto in arresto e sottoposto a procedimento penale, definito con sentenza ex art. 444 c.p.p. del 26/06/2008, passata in giudicato il 18/09/2009, con accertamento della sua piena ed esclusiva responsabilità.

Dal momento che l'auto, al momento del sinistro, era sprovvista di copertura assicurativa, i familiari del defunto agirono, davanti il Tribunale di Nocera Inferiore, oltre che contro il L., contro Assicurazioni Generali S.p.A. (di seguito Generali), in qualità di impresa designata ex lege alla gestione del Fondo Vittime della Strada per la Campania, chiedendo il risarcimento dei danni. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Pagina generata in 0.029 secondi