Cassazione civ. Sez. III, Sent., n. 23209 del 13/11/2015

Mercoledi 9 Dicembre 2015

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

ISCRIVITI

L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHIARINI Maria Margherita - Presidente -

Dott. AMENDOLA Adelaide - Consigliere -

Dott. SESTINI Danilo - Consigliere -

Dott. SCRIMA Antonietta - Consigliere -

Dott. VINCENTI Enzo - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 1710/2013 proposto da:

B.P. ((OMISSIS)), avvocato, elettivamente domiciliata in ROMA, CORSO DEL RINASCIMENTO 11, presso L. S.R.L., rappresentata e difesa da sè medesima;

- ricorrente -

contro

M. ASSICURAZIONI S.P.A.;

- intimata -

avverso la sentenza n. 892/2012 della CORTE D'APPELLO di TORINO, depositata il 22/05/2012, R.G.N. 1339/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/09/2015 dal Consigliere Dott. ENZO VINCENTI;

udito l'Avvocato UGO GIURATO per delega;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SGROI Carmelo, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

1. - Con atto di citazione del 17 febbraio 2009, l'avv. B. P. evocò in giudizio, innanzi al Tribunale di Torino, la M. Assicurazioni S.p.A., affinchè venisse accertato e dichiarato che, ai sensi dell'art. 1917 c.c., e dell'art. 3, comma 1, della polizza assicurativa stipulata tra essa attrice e la predetta Compagnia di assicurazione per la copertura dei rischi connessi all'esercizio dell'attività professionale, la convenuta fosse obbligata a tenere indenne l'assicurata di quanto dalla stessa corrisposto in conseguenza della sentenza n. 4235 del 19 giugno 2007 del Tribunale di Torino, pronunciata durante il tempo dell'assicurazione.

A sostegno della domanda l'attrice dedusse: che, con la predetta sentenza, il Tribunale aveva rigettato le domande proposte da S.R. e V.F., rappresentati e difesi da essa avv. B., nei confronti del debitore M.G. e dei terzi pignorati Banca Intesa Sanpaolo, Banca del Piemonte S.p.A. ed Istituto Fiduciario Piemontese s.r.l., nell'ambito del giudizio per l'accertamento dell'obbligo di detti terzi, disposto a seguito delle contestazioni degli attori alle dichiarazioni negative da costoro provenienti; che la decisione di rigetto del Tribunale si fondava sulla mancanza di prova di cui era onerata la parte attrice, essendo la stessa decaduta dalla facoltà di proporre istanze istruttorie, nè potendo essere l'esibizione disposta ex officio; che gli attori venivano, conseguentemente, condannati al pagamento delle spese di lite in favore dei convenuti per complessivi Euro 12.568,63; che il 28 gennaio 2008 essa attrice, ritenendo sussistente l'errore professionale in cui era incorsa, denunciava il sinistro alla propria assicurazione, la quale inviava proposta di rimborso per un importo pari ad un terzo soltanto delle anzidetto spese legali; che, dunque, trattandosi di proposta contraria alla polizza assicurativa, essa B., fornita alla cliente la provvista per il pagamento delle spese legali, agiva in giudizio per essere integralmente indennizzata dalla M. Assicurazioni S.p.A.. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Pagina generata in 0.024 secondi