Aggiornamento Indice Istat Novembre 2014

Indice Istat ai minimi dell'anno. Inflazione in calo.
A cura della Redazione.
Venerdi 12 Dicembre 2014

L'indice Istat FOI del mese di Novembre 2014, utilizzato per le rivalutazioni monetarie di affitti, pensioni ed assegni di mantenimento, scende dello 0,2% rispetto al mese precedente, portandosi a quota 107, il valore più basso di quest'anno.

L'inflazione acquisita per il 2014 scende allo 0,2% (contro lo 0,3% di ottobre), segno evidente del protrarsi della stagnazione dei consumi, dovuta in parte ai continui rincari dell'IVA - i cui effetti hanno cominciato a sentirsi già da tempo - e ai quali ne seguiranno altri, come previsto dalla legge di stabilità 2015.

L'Istat attribuisce il calo mensile dell'indice generale alla diminuzione dei prezzi degli energetici non regolamentati (-2,3%) e dei servizi relativi ai trasporti (-1,1%); in controtendenza invece i prezzi di vegetali freschi (+8,0%), frutta fresca (+2,4%), forse a causa di fattori legati alle pessime condizioni meteorologiche dei mesi precedenti, e dei servizi relativi alle comunicazioni (+1,5%).

 

Tabella riepilogativa (*):

Indice generale FOI 107
Variazione percentuale rispetto al mese precedente - 0,2
Variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell'anno precedente + 0,2
Variazione percentuale rispetto allo stesso mese
di due anni precedenti

+ 0,8

 

(*) Per un raffronto con i mesi precedenti consulta gli ultimi indici istat.

 

La prossima pubblicazione dell'indice Istat è prevista per il

7 Gennaio 2015.

 

Ricordiamo le nostre applicazioni di calcolo che usano l'indice FOI:

(*) I valori per il calcolo del maggior danno vengono aggiornati quando la Banca d'Italia pubblica i rendimenti medi dei BOT ed il valore del "rendistato".

 

NOTA: per calcolare l' adeguamento ISTAT del canone di locazione rispetto all'anno precedente è disponibile questa applicazione che consente di effettuare il calcolo rapidamente illustrando inoltre i vari passaggi, oppure, se preferisci il calcolo manuale, puoi utilizzare le variazioni percentuali precalcolate al 75%, al 50% ed al 100%, che pubblichiamo ogni mese su questo sito.

 

Se sei interessato all'andamento dell'indice ISTAT FOI puoi consultare le tabelle interattive delle variazioni congiunturali dell'indice a partire dal 1947.

 

Per attualizzare un valore monetario espresso in Lire a partire dal 1861 puoi utilizzare la Rivalutazione Storica. Precisiamo tuttavia che quest'ultima applicazione non è utilizzabile per le rivalutazioni monetarie di legge ma assolve finalità puramente statistiche e conoscitive.

 

NOTA:

La rivalutazione monetaria e l'adeguamento Istat del canone di locazione sono disponibili anche sul sito mobile all'interno del menu "Applicazioni".


 


 

Informativa Istat sull'andamento dei prezzi

Data di pubblicazione: 12 dicembre 2014.

Nel mese di novembre 2014, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,2% rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,2% nei confronti di novembre 2013 (era +0,1% a ottobre), confermando la stima preliminare.

La lieve accelerazione dell'inflazione deriva soprattutto dalla ripresa su base annua dei prezzi degli Alimentari non lavorati (+0,8%, da -0,2% di ottobre) e, in minor misura, di altre tipologie di prodotti. Questa dinamica è in parte bilanciata dall'accentuazione della flessione tendenziale dei prezzi degli Energetici non regolamentati (-3,1%, da -2,2% del mese precedente).

Al netto degli alimentari non lavorati e dei beni energetici, l'"inflazione di fondo" resta stabile a +0,5%; mentre al netto dei soli beni energetici, sale a +0,6%, da +0,4% di ottobre.

Il calo mensile dell'indice generale è da ascrivere principalmente alla diminuzione dei prezzi degli Energetici non regolamentati (-2,3%) e ai ribassi - in parte condizionati da fattori stagionali - dei Servizi relativi ai trasporti (-1,1%) e dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-0,8%); a contenere il calo, invece, sono i rialzi congiunturali dei prezzi di Vegetali freschi (+8,0%), Frutta fresca (+2,4%) e Servizi relativi alle comunicazioni (+1,5%).

L'inflazione acquisita per il 2014 scende allo 0,2% dallo 0,3% di ottobre.

Rispetto a novembre 2013, i prezzi dei beni mostrano una flessione più ampia (-0,4 %, da -0,3% di ottobre) e il tasso di crescita dei prezzi dei servizi sale allo 0,9% (da +0,7% del mese precedente). Pertanto, rispetto a ottobre 2014, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di tre decimi di punto percentuale.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,5% in termini congiunturali e dello 0,4% in termini tendenziali (in accelerazione dal +0,1% di ottobre).

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto non variano su base mensile e crescono dello 0,2% su base annua (era +0,1% il mese precedente).

L'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) diminuisce dello 0,2% su base mensile e cresce dello 0,3% su base annua (la stima preliminare era +0,2%), in lieve accelerazione rispetto a ottobre (+0,2%).

L'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, diminuisce dello 0,2% su base mensile e aumenta dello 0,2% in termini tendenziali.

Pagina generata in 0.02 secondi