Cassazione civile Sez. III Ordinanza n. 2531 del 30/01/2019

Mercoledi 13 Febbraio 2019

Per accedere agli allegati è richiesta l'iscrizione alla newsletter:

ISCRIVITI

L'iscrizione è gratuita e puoi cancellarti in qualsiasi momento.


Per ricevere la newsletter puoi anche registrarti sul sito.

Avrai accesso ai testi integrali delle sentenze e potrai utilizzare molte altre funzionalità gratuite.

Scopri tutti i vantaggi

Segue un'anteprima del testo:

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele - Presidente -

Dott. DELL’UTRI Marco - Consigliere -

Dott. PORRECA Paolo - Consigliere -

Dott. MOSCARINI Anna - rel. Consigliere -

Dott. GIAIME GUIZZI Stefano - Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28432-2016 proposto da:

S.F., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR 19, presso lo studio dell'avvocato TAMAJO STUDIO TOFFOLETTO DE LUCA, rappresentata e difesa dall'avvocato FEDERICA PATERNO' giusta procura a margine del ricorso;

- ricorrente -

contro

GROUPAMA ASSICURAZIONI SPA GIA' GAN ITALIA SPA, G.O.;

- intimati -

avverso la sentenza n. 923/2013 della CORTE D'APPELLO di CATANZARO, depositata il 06/06/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 25/06/2018 dal Consigliere Dott. ANNA MOSCARINI.

Svolgimento del processo

Che:

S.F., danneggiata quale terza trasportata in un incidente stradale occorso in (OMISSIS), convenne davanti al Tribunale di Catanzaro, con atto di citazione del 18/4/2004, la Gan Italia Assicurazioni S.p.A., G.O., proprietario dell'autovettura danneggiante e G.T., conducente, per sentir accertare la responsabilità della G. nell'incidente e la condanna dei convenuti al pagamento della somma di Euro 25.800,00 a titolo di risarcimento danni patrimoniali e non patrimoniali. La Gan Assicurazioni si costituì in giudizio contestando la domanda e affermando che le lesioni si erano verificate per la determinante ed esclusiva responsabilità dell'attrice che, al momento del sinistro, non indossava le cinture di sicurezza.

Il Tribunale di Cosenza, con sentenza del 1/2/2012, accolse la domanda e condannò i convenuti al pagamento, in favore della S., della somma di Euro 7.721,00 a titolo di danno biologico oltre interessi compensativi sulla somma devalutata dal dì del sinistro e rivalutata fino alla data di pubblicazione della sentenza, oltre interessi legali e al pagamento della somma di Euro 16.385,30 a titolo di danno patrimoniale futuro, oltre interessi, previa detrazione della somma di Euro 4.500 già corrisposta a titolo di acconto. ...

Per leggere il testo integrale iscriviti alla newsletter

Pagina generata in 0.032 secondi