Aggiornamento Indice Istat Agosto 2013

Balzo in avanti dell'Indice Istat. Inflazione acquisita in leggero aumento.
A cura della Redazione.
Giovedi 12 Settembre 2013

L'indice Istat FOI del mese di Agosto 2013, utilizzato per le rivalutazioni monetarie di affitti, pensioni ed assegni di mantenimento, aumenta dello 0,4% rispetto al mese di luglio portandosi a quota 107,6, con una variazione rispetto allo stesso mese dell'anno precedente pari all' 1,1%.

Il deciso aumento dell'indice è dovuto, secondo l'informativa pubblicata dall'Istat, agli aumenti dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+4,1%) e dei carburanti (+1,0%), come sempre avviene nel nostro Paese nei periodi di maggiore utilizzo dell'auto e degli altri mezzi di trasporto.

 

Tabella riepilogativa:

Indice generale FOI 107,6
Variazione percentuale rispetto al mese precedente 0,4
Variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell'anno precedente + 1,1
Variazione percentuale rispetto allo stesso mese
di due anni precedenti

+ 4,3

 

Prossimo comunicato Istat: 11 ottobre 2013

(relativo all'indice di settembre)

 

Come di consueto sono stati aggiornati i nostri servizi di calcolo che utilizzano l'indice Istat FOI:

(*) I valori per il calcolo del maggior danno sono aggiornati quando la Banca d'Italia provvede alla pubblicazione dei rendimenti medi dei BOT e del Rendistato, operazione che normalmente avviene alcuni giorni dopo rispetto alla pubblicazione dell'indice Istat.

 

Per controllare l'andamento storico dell'indice ISTAT consulta anche le tabelle interattive delle variazioni congiunturali a partire dal 1947, con la possibilità di scegliere:

- le variazioni indici istat rispetto allo stesso mese dell'anno precedente.

- le variazione indici istat rispetto allo stesso mese di due anni prima

- le variazioni dell'indice istat mese su mese

- le variazioni dell'indice istat rispetto al mese finale

- coefficienti di rivalutazione mensili tra due date

 


  Informativa Istat sull'andamento dei prezzi: ( data di pubblicazione: 12 sottembre 2013 )

Nel mese di agosto 2013, l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, aumenta dello 0,4% su base mensile e resta stabile all'1,2% su base annua (la stima provvisoria era +1,1%).

La stabilità dell'inflazione è la sintesi di spinte di segno opposto: da un lato, i rallentamenti delle dinamiche tendenziali dei prezzi dei Beni energetici non regolamentati e dei Beni alimentari non lavorati, dall'altro l'accelerazione della crescita annua dei prezzi dei servizi, in particolare di quelli relativi ai Trasporti.

Il rialzo mensile dell'indice generale è in gran parte dovuto agli aumenti dei prezzi dei Servizi relativi ai Trasporti (+4,1%), sui quali incidono fattori stagionali, e dei Beni energetici non regolamentati (+1,0%). Sempre per cause stagionali risultano invece in calo i prezzi degli Alimentari non lavorati (-1,2%), soprattutto dei Vegetali freschi (-6,3%) e della Frutta fresca (-2,1%).

L'inflazione acquisita per il 2013 sale all'1,4% dall'1,2% di luglio.

Ad agosto l'inflazione di fondo, calcolata al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, si porta all'1,2% (dal +1,1% nel mese precedente). Al netto dei soli beni energetici, la crescita tendenziale dell'indice dei prezzi al consumo resta stazionaria all'1,3%.

Rispetto ad agosto 2012, il tasso di crescita dei prezzi dei beni scende allo 0,8%, dall'1,1% di luglio, mentre quello dei prezzi dei servizi sale all'1,6% (era +1,3% nel mese precedente).
Pertanto, il differenziale inflazionistico tra servizi e beni si amplia di sei decimi di punto percentuale rispetto a luglio 2013.

I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai consumatori non variano in termini congiunturali e crescono dell'1,7% su base annua, in rallentamento di tre decimi di punto percentuale rispetto a luglio (+2,0%).

Ad agosto 2013, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) non varia su base mensile e fa registrare un tasso di crescita annuo stazionario all'1,2%, confermando le stime preliminari.

L'indice IPCA a tassazione costante (IPCA-TC) aumenta dello 0,1% in termini congiunturali e dell'1,2% in termini tendenziali.

L'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, aumenta dello 0,4% su base mensile e dell'1,1% rispetto a luglio 2012.

Pagina generata in 0.029 secondi