Conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente: i presupposti per la confisca del veicolo

A cura della
Conducente in stato di ebbrezza provoca un incidente: i presupposti per la confisca del veicolo
Venerdi 17 Gennaio 2020

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione nella sentenza n. 274/2020 ha precisato in quali casi debba essere disposto il fermo amministrativo e non la confisca allorchè il conducente in stato di ebbrezza abbia provocato un incidente.

Il caso: Il GIP del Tribunale di Nola applicava ex art. 444 c.p.p. a C.B. la pena sospesa di mesi 1 e giorni 10 di arresto, oltre alla sospensione della patente per anni 1 ed alla confisca del veicolo, per il reato di cui all'art. 186, comma 2, lett. b), 2-bis e 2-sexies, cod.strada (guida in stato di ebbrezza, tasso alcolemico 1,4 g/I, con l'aggravante della provocazione dell'incidente e dell'ora notturna.

C.Bi. ricorre in Cassazione, deducendo la illegittimità delle sanzioni amministrative in considerazione del tasso alcolemico accertato, inferiore a 1,5 g/l.

Per la Corte il ricorso è parzialmente fondato, relativamente alla sanzione amministrativa della confisca:

a) la confisca del veicolo è illegittima, essendo stato accertato un tasso alcolemico inferiore a 1,5 g/1 e ricadendosi, dunque, nella previsione dell'art. 186, comma 2, lett. b, cod. strada, che non contempla tale sanzione accessoria;

b) peraltro, nel caso in cui il conducente, postosi alla guida in stato di ebbrezza, abbia provocato un incidente stradale, è prevista la confisca obbligatoria del veicolo soltanto ove risulti accertato un tasso alcolemico superiore a g/I 1,5;

c) se il predetto tasso risulta inferiore, può essere disposto unicamente il fermo amministrativo.

Allegato:

Cassazione penale sentenza n.274/2020

Risorse Correlate:

Tabella Decurtazione Punti Patente

Calcolo Tasso Alcolemico Teorico

Collabora con la Redazione

Vota l'articolo:
0 / 5 (0voti)

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter


Aggiungi al tuo sito i box con le notizie
Prendi il Codice





Sito ideato dall' Avvocato Andreani - Ordine degli Avvocati di Massa Carrara - Partita IVA: 00665830451
Pagina generata in 0.022 secondi